mercoledì 23 settembre 2009

Influenza maiala

Sarà l'influenza dei grandi guduriosi ed epicurei? Sarà il castigo ai troppi libertini, che segue a ruota il famoso virus dei sodomiti (HIV), ipotizzato essersi creato nell'Africa nera a seguito della copulazione tra uomo e scimmia?

Sarà sarà quel che sarà...

Di per certo possiamo dire alcune cose. Nell'epoca dell'oro e dei soldi creati per "l'occhio di Dio" le più grandi epidemie, come quella di peste che narra il Boccaccio avvengono sempre a seguito di crisi Finanz-iarie. Poco importa, finchè non se ne ha la certezza, capire se c'entravano gli untori allora o adesso, appigliarsi a fatti marginali come un Ebreo che sotto tortura confessò di avvelenare e contaminare i pozzi, anche perchè se continuano a torcere le budella a qualcuno, quello potrebbe dire qualsiasi cosa per fare smettere il supplizio, quello che più importa è capire di cosa stiamo parlando.

L'influenza suina non è chiaro ancora in che misura possa mutare, ciò che sappiamo è che è mutato il nome da "influenza suina" ad "influenza A", a seguito delle pressioni dei grandi venditori di prosciutti e salsiccie; ora salumieri e piadinari esultano.
Ciò che sappiamo è che l'Organizzazione mondiale della sanità ha appositamente cambiato il significato della parola PANDEMIA per poterlo usare anche in situazioni meno gravi, troppa prudenza, o bis-pensiero Orwelliano?
Ciò che sappiamo è che in una stanza di maiali (animali impuri per Ebrei e Musulmani) tenuti in condizioni anti-igieniche si è sviluppato un virus "letale", talmente letale da essere considerato più leggero di qualsiasi altro virus stagionale, e che vede le persone costrette a portare "mascherine" in caso di potenziale contagio, ed i Messicani costretti "ad aspettare fuori dai bar" per poter mangiare una brioche ed un cappuccino, anche se ovviamente un virus del genere è ovunque, ed anche se non si sa attraverso quali considerazioni logiche, si prevede che si ammaleranno comunque in Italia circa un milione di persone tra Dicembre e Gennaio.
LE NOTIZIE UFFICIALI NEL LORO COMPLESSO SONO TUTTE COMPLETAMENTE PRIVE DI LOGICA, SI CONTRADDICONO L'UNA CON L'ALTRA.
Vengono preparate decine e decine di milioni di dosi, in tutti i paesi del mondo, a vantaggio delle multinazionali del farmaco, che ovviamente hanno dichiarato che non si riterranno responsabili di effetti collaterali.
Gente torna dalle ferie con due linee di febbre e viene caldamente invitata a chiudersi in casa, progetti per ritardare l'inizio delle scuole (E a quando se l'apice sarà a Gennaio, forse all'estate 2010?), ma il ministro della salute, (forse influenzato da Romina Power :) ) afferma che non si vaccinerà (intanto però ha dato il benestare a 48 milioni di dosi che compra l'Italia).
Nel frattempo dietrologi di ogni genere che pregano con tutta l'anima perchè sto cazzo di mondo finisca entro il 2012, danno libero spazio a una serie di considerazioni, dalle più verosimili (oltre che per il guadagno, il vaccino è un test per vedere il livello di accondiscendenza della popolazione) a quelle un pò meno verosimili (dentro al vaccino ci sono nanomacchine che cambieranno il nostro corredo cromosomico usufruendo anche delle onde elettromagnetiche emesse da Haarp e diffuse nell'atmosfera attraverso le scie chimiche).
Ma tutto questo spero non vi faccia sorridere e basta, perchè la reazione sana a questa situaizone non è ridere facendo finta di niente e farsi venire il voltastomaco dopo, nel fare un giretto alla sera criticando i vostri simili; la reazione sana è farsi venire il voltastomaco subito e cercare la verità di tutte le cose.

mercoledì 9 settembre 2009

Muore Mike

Ieri è morto Mike Bongiorno.
Se Umberto Eco scrisse nel suo saggio di quarant'anni fa "lo spettatore vede glorificato e insignito ufficialmente di autorità nazionale il ritratto dei propri limiti»." Un motivo c'era.
In realtà Mike faceva quel che poteva per portare la cultura in Italia e soprattutto per servire un ideale.
Era il simbolo di una generazione, era l'uomo che aveva il suo lavoro da compiere e che cercava di svolgere con le sue regole.
- Serietà.
- Qualche battuta fissa (allegria!).
- Qualche rara battuta del momento.
- La consapevolezza di dover presentare a milioni di Italiani una situazione dove chi risponde alle domande è bravo e chi non la impara non è bravo.
- La determinazione nel farlo. Quello era il suo ruolo: non importa se leggeva domande che non aveva idea di cosa volessero dire, non importa se magari da quei quiz si poteva apprendere solo qualcosa, e non importa se le televendite che promuoveva in realtà non erano il massimo. Quello era il suo ruolo.

Era come un soldato, compiere la propria mission, poche esitazioni, e se si sbaglia, Amen. Credeva in quello che faceva e si convinceva di quello che doveva fare, come nel vendere i prodotti, i venditori di adesso hanno spesso uno sguardo che mente: ti vendono delle pentole ma magari stanno pensando a tutt'altro, per lo più ai cazzi loro. Mike invece era davvero interessato a quello che diceva, magari ti diceva una boiata, tipo che il brodo granulare è quasi buono quanto quello di pollo, però lo diceva con convinzione.
Se dovessi valutarlo come persona, non è forse il momento più adatto per esprimermi. Se dovessi pensare a chi conduce i Quiz, non ci sono dubbi: era il migliore.

martedì 8 settembre 2009

VATICANO S.P.A.

Ho letto un libro uscito da qualche mese, si intitola Vaticano S.p.A., che parla di quanto la Banca della Chiesa negli ultimi quarant'anni si sia avvicinata più al ruolo di Società per azioni rispetto a quello che era prassi delle prime comunità Cristiane, ovvero la povertà e condivisione.

Il libro è di Gianluigi Nuzzi, un giornalista di quarant'anni che ha lavorato per "il Giornale", collaborato con il Corriere della Sera, e che lavora per "Panorama".
La maggior parte del libro è scritta basandosi sopra un archivio segreto tenuto in Svizzera, quello di Monsignor Renato Dardozzi, che lavorava per conto della segreteria di Stato del Vaticano, e seguiva le operazioni dell IOR, l'Istituto delle opere religiose, meglio identificabile come la banca del Vaticano.
Monsignor Dardozzi, è morto nel 2003, e per sua espressa volontà l'archivio è stato desecretato alllo scopo di fare conoscere a chi voglia, dettagli preziosi su quanto è accaduto all'interno dello IOR negli ultimi decenni.
Partiamo da alcune considerazioni generali.
Molte notizie contenute nel libro hanno scopo puramente divulgativo e non possono essere di rilevanza giuridica, in quanto riconducibili a fatti avvenuti più di venti anni or sono, si parla quindi oramai di prescrizione. D'altro canto anche Andreotti non è mai stato assolto in quanto i reati a lui imputati non sussistevano, ma piuttosto perchè, erano caduti in prescrizione.

Dardozzi è uno studioso che parla cinque lingue ed ha quattro lauree, viene ordinato sacerdote nel 1973 a cinquant'un anni, e nel 1974 inizia la collaborazione con la Santa Sede e quindi con lo IOR.
Da quell'anno viene a conoscenza di alcuni affari poco puliti, come lo scandalo del banco Ambrosiano, banca di primissima importanza, che durante la dirigenza di Calvi incrementò i suoi affari aprendosi a paradisi fiscali ed avendo rapporti con "la loggia massonica deviata P2" (e qui sarebbe sempre doveroso citare Gaber: ma la "P1"?), la mafia, e naturalmente la Chiesa, essendo un istituto legato al mondo cattolico sin dalla sua fondazione.
Questo è un breve riassunto del libro.
Dopo la morte di Giovanni XXIII la Chiesa passa finanziariamente un momento del cavolo. Le offerte sono sempre meno ed il governo di allora viene meno all'esenzione fiscale che durava dai tempi di Mussolini.
Con Paolo VI, il sistema economico del Vaticano prende una svolta. Michele Sindona, banchiere con agganci negli USA, nella P2 e nella mafia, comincia ad occuparsi delle finanze portando anche soldi provenienti dalla mafia.
Sindona è quello che adesso verrebbe definito "guru della finanza" , aggiungerei creativa, e cerca tutti i modi possibili per non pagare le tasse, come del resto fanno le multinazionali, le banche d'affari, e la maggior parte dei commercialisti.
L'importante per Sindona pare essere fare guadagnare soldi alla Santa Sede, e scongiurare il pericolo del comunismo, per fare questo l'autore Nuzzi riporta che speculò anche sulla Lira Italiana, denunciando in contemporanea oscuri movimenti contro di essa, lasciando credere ad Andreotti di essere stato il salvatore della valuta. Ora non voglio dubitare della buona fede dell'autore, potrei anche credere che sia vero, ma ricordo a chi legge che vent'anni dopo, SOROS speculò sulla Lira dando un chiaro segnale su quella che doveva essere la strada da seguire: l'entrata nell'Euro.
In quegli anni assieme a Sindona collaboravano Marcinkus e Calvi, poi si parla di un principe Massimo Spada che deve essere discendente della antica famiglia Spada.
Sindona non riuscì a gestire i soldi del Vaticano, fece dei gran casini e pare che commissionò anche l'omicidio di Ambrosoli. Alla fine di tutto morì avvelenato in prigione, in misteriose circostanze, versione più accreditata è che volesse simulare l'avvelenamento per ottenere l'estradizione.
Calvi era già stato tre anni prima trovato impiccato ad un ponte di Londra, fu dichiarato un suicidio, anche se risulta poco probabile. In molti credono che essendosi mangiato troppi soldi, venne giustiziato da esponenti della mafia o della massoneria deviata.
L'affare della banca Ambrosiana di Calvi aveva creato un gran casino, Calvi era stato accusato di "reati valutari" (e qui ci sarebbe da capire di più in merito) ed in più aveva fatto un sacco di debiti. Lo IOR non era per nulla estraneo ai fatti, anzi Calvi lo utilizzava a proprio piacimento con il benestare di Marcinkus.
Morale della favola, Marcinkus viene incolpato di bancarotta fraudolenta, lo IOR deve pagare un sacco di soldi, ne paga una parte, e fine del film.
Nel frattempo era stata abolita la norma di diritto canonico che prevede la scomunica immediata per i massoni.

Poi vengono riportati un sacco di altri casi nei quali il Vaticano, soprattutto cosiderando le leggi statali ed internazionali, finisce sotto i riflettori.
Riassumendo ulteriormente posso scrivere che:
Il Vaticano ha grande potere nel mondo: ci sono 4500 Vescovi, 405000 preti e 865000 religiosi, più i vari diaconi, i laici missionari, i catechisti, e naturamente le centinaia di milioni di fedeli.
Nello IOR sono transitati soldi della mafia, e come i soldi della mafia giravano ed a volte si ripulivano in Vaticano, così gli stessi soldi od i soldi di altri giravano presso altre banche d'affari con sedi in paradisi fiscali. Ogni dittatore, ogni criminale, ogni gruppo terroristico, ha in realtà una o più banche che lo appoggiano, e non sto parlando del Vaticano. Il più è vedere in che misura lo appoggiano e in che modo la banca ci lucra sopra.
Fa schifo pensare che la banca del Vaticano venga usata per accattivarsi i "favori dei politici" ed ancor peggio per nascondere i soldi dei mafiosi, che magari se li sono procurati intimorendo le persone ed estorcendo il pizzo, fa schifo che ci sia il bisogno di finanziare un partito che avrebbe dovuto essere un grande centro tipo Democrazia Cristiana, perchè dovrebbe essere spontaneo se le persone ci credessero davvero.

Comunque, a difesa della chiesa potrei dire che da parte di tutti si è sempre cercato di non pagare pagare le tasse (vedi banche d'affari, multinazionali, e.. la banca d'Italia stessa) a dispetto di quel che dice Padoa Schioppa, che ci sono sempre stati quelli condannati per bancarotta fraudolenta e che magari rimanevano pieni di soldi e poi continuavano a lavorare come niente fosse (vedi manager attuali), che le tangenti ai politici sono sempre arrivate se non direttamente, indirettamente, e che pecunia non olet, perciò se non si sapeva da quali attività arrivano, i soldi sono sempre soldi.
Non è comunque una buona giustificazione per coloro che rivendicano il diritto di insegnare la moralità, soprattutto il fatto di utilizzare nomi di opere di carità, come la lotta alla leucemia, o intitolate ai santi, per farci passare milioni e milioni di soldi di origini poco pulite.
Inoltre nel libro non è che siano chiare molte cose, come il ruolo dei cavalieri di Malta o perchè il Monsignor Dardozzi non parlò subito pubblicamente ma ha aspettato di morire per rivelare le sue carte.

martedì 1 settembre 2009

chiavi di accesso Agosto 2009

Oramai si ripetono quasi sempre le stesse, chissà poi perchè.

1 - "come si intitola il film dove c'è lo scambio di mogli e poi lui la trova morta sul letto" Bè curioso modo di cercare un film. Non lo conosco, mi dispiace. Mi viene in mente il film di Francesco Nuti dove,in una situazione simile viene distrutto l'appartamento perchè i due erano troppo gelosi.
2 - "I Danesi sono sorridenti" E' vero.
3 - differenze lions rotary.
Boh, il Rotary Club è sorto nel 1905, conta oltre 33.000, in quasi tutte le nazioni del mondo, con complessivamente oltre 1.200.000 soci, il moto è "Servire al di sopra di ogni interesse personale"
Il Lions nel 1917, e non so quanta gente ci sia dentro. Il motto è "serviamo" oppure "Libertà e intelligenza al servizio della nostra nazione".
Al di là di chi abbia creato questi movimenti, di chi ne abbia fatto o faccia parte si può dire una cosa: Se servono sopra ad ogni interesse personale, perchè chi ci sta dentro spesso è pieno di soldi e si fanno delle cene orbe? Cioè sarebbe più logico dire:
"facciam quel che possiamo e ci divertiamo" mah.
Se poi il Lions dice "libertà e intelligenza al servizio della nostra nazione" perchè allora è presente in 130 paesi diversi? Cioè, di quale nazione stiamo parlando? E poi, vanno sempre nel terzo mondo ad operare.
Bah, spero almeno si divertano.
4 - il pianeta delle scimmie colonna sonora elfmann. Prova a scrivere planet of the apes e Danny elfman con una n sola.
5 - quale la canzone in happy days con il video dove fonzie balla? Boh, vai sul sito di Happydaysitalia e chiedilo, questo sito non ha più a che fare con Fonzie.
6 - significato di "socio patico" innanzitutto si scrive attaccato. Sociopatico è un neologismo, in un vocabolario non recente è una parola che non compare.
Sociopatico è un altro di quei termini che coniano ogni giorno medici, psicologi, e studiosi di scienze sociali, per confondere le idee e perchè altrimenti non avrebbero altro da fare.
La stessa wikipedia definisce sociopatia come un termine non ben definito che si può riferire a disturbo di personalità antisociale, disturbo di personalità dissociata, o più in generale psicopatia.
Dopo attenti studi posso affermare che questi termini sono classificazioni inventate per additare chi è antipatico oltremodo, non si mostra accomodante o disturba gli altri, e curarlo facendolo stare zitto, avendo la scusante che "è malato" sentendosi perciò giustificato a non portare pazienza ed averlo attorno. Per cui in un mondo naturale una persona del genere dovrebbe cambiare o probabilmente morirebbe di fame o picchiato da qualcun altro (sempre se non ha le capacità di conquistare a sua volta un paese). Invece in una società dove tutti devono avere qualcosa e non si possono tirare le sberle, bisogna dire che è malato. Il peggio è arrivato quando anche chi non rompeva le scatole a nessuno e poteva comunque fare una vita decente da solo, senza il bisogno degli altri, è stato definito sociopatico.
7 - "« non è tollerabile che una banca centrale, isola, che non ha nessuna responsabilità né l'obbligo di spiegare quello che fa, possa continuare a creare"
La frase corretta è "Non è tollerabile che una banca centrale, isolata, che non ha nessuna responsabilità né l'obbligo di spiegare quello che fa, possa continuare a creare disoccupazione mentre i governi stanno zitti"
Allo stesso modo si potrebbe obbiettare che non è tollerabile che gli stati non siano abbastanza evoluti per permettersi di stampare moneta propria, ma lo siano abbastanza per possedere arsenale nucleare e la possibilità di dichiarare guerre.