giovedì 28 maggio 2009

Discorsi scientifici

Se tutto è relativo perchè le cose funzionano sempre in un certo modo ?

Le cose di ogni giorno raccontano segreti
a chi le sa guardare ed ascoltare.

Per fare un tavolo ci vuole il legno
per fare il legno ci vuole l'albero
per fare l'albero ci vuole il seme
per fare il seme ci vuole il frutto
per fare il frutto ci vuole un fiore
ci vuole un fiore, ci vuole un fiore,
per fare un tavolo ci vuole un fio-o-re.

Per fare un fiore ci vuole un ramo
per fare il ramo ci vuole l'albero
per fare l'albero ci vuole il bosco
per fare il bosco ci vuole il monte
per fare il monte ci vuol la terra
per far la terra vi Vuole un fiore
per fare tutto ci vuole un fio-r-e

Per fare un tavolo ci vuole il legno
per fare il legno ci vuole l'albero
per fare l'albero ci vuole il seme
per fare il seme ci vuole il frutto
per fare il frutto ci vuole il fiore
ci vuole il fiore, ci vuole il fiore,
per fare tutto ci vuole un fio-o-re.

Le cose di ogni giorno raccontano segreti
a chi le sa guardare ed ascoltare...

(G.Rodari)

P.S. Qualcuno potrebbe obbiettare che per fare l'albero non c'è bisogno del bosco e che per fare il bosco più che del monte, c'è bisogno di terra con Azoto, Zinco, Sodio, Calcio, Potassio, Magnesio eccetera, ma in fondo, forse l'intero universo con i pianeti e le stelle era un grande fiore incadescente che è esploso. Ci avevate mai pensato?

domenica 24 maggio 2009

L 'Euro - parte seconda -

Dopo aver scritto nella parte prima, cos'è l'Euro, perchè ha valore, e come può essere identificato il suo valore, passiamo ad altre domande più specifiche.

- Come si presenta fisicamente l'Euro -

Innanzitutto è bene precisare una cosa: solo una bassa percentuale del denaro totale in circolazione è presente sotto forma di monete o banconote. La maggior parte del denaro è virtuale, ovvero altro non è che un dato dentro ad un archivio informatico, una cifra registrata. Questi dati vengono gestiti dai software interni delle banche commerciali che comunque vengono controllati ad esempio in Italia, dalla banca d'Italia, a sua volta parte della BCE. Oltre a questo si aggiungono tutte le complicazioni relative ai titoli azionari, obbligazionari eccetera e si aggiungono anche le complicazioni dettate dal fatto che in un economia globale come la nostra, il flusso di denaro è sempre in movimento e non è sotto controllo di enti pubblici, ma sotto società di capitali come Monte Titoli, Euroclear, ClearStream e Swift.
Parlando invece di banconote e monete, la questione è la seguente:
Le monete vengono stampate solitamente dai singoli stati (in Italia all'istituto poligrafico - Zecca dello Stato), anche perchè sono personalizzate a seconda del conio del paese, ed hanno una faccia comune Europea ed una faccia personalizzata dagli Stati (Es: i 2 Euro hanno da un lato la scritta 2 con l'Europa come sfondo, nel lato opposto si trova Dante Alighieri in Italia, e l'Aquila Federale in Germania).
Per le banconote la questione è differente, sono apprentemente tutte identiche indipendentemente dal luogo di stampaggio od emissione, seppure abbiano codici diversi che permettano di indicare quale banca centrale è responsabile della loro emissione.
Le banconote in euro hanno un disegno protetto da copyright e raffigurano, a seconda del taglio, gli stili architettonici delle varie epoche (rinascimentale, barocco eccetera). Non è obbligatorio che le banconote vengano stampate nei paesi di provenienza delle banche centrali, seppure esse ne controllino la correttezza delle operazioni. Dopo la morte di Duisenberg, il presidente della BCE è diventato Trichet, gli Euro portano ora la sua firma.

- Quale giro compie l'Euro per poter entrare in circolazione -

Il giro dell'Euro, da quanto ho capito, è più o meno il seguente:
La banca centrale Europea analizza, (come fanno la FED, il FMI, la World Bank eccetera), e tiene monitorata l'economia mondiale e gli abitanti dei paesi nella sua zona attraverso i dati statistici forniti ad esempio dall'Istat.
Quando ad esempio vede che il circuito bancario ha bisogno di soldi (ergo vengono richiesti molti prestiti alle banche commerciali), la BCE (come la FED) solitamente li stampa, definendo anche il tasso di sconto da applicare, ovvero il costo del denaro, ovvero quanto interesse dovranno ridargli le banche commerciali. Vent'anni fa il tasso della banca d'Italia era del 13,5% (inflazione calcolata 7,4%), oggi quello della BCE è dell' 1% (inflazione calcolata 1,2%)
A questo punto le banche centrali stampano soldi dandoli alle banche commerciali oppure agli stati, sempre ottenendo un tasso di interesse. In realtà le banche centrali appartengono spesso (come in Italia) alle banche commerciali, esse però in linea di principio dovrebbero lavorare per gli Stati.
Le banche commerciali a loro volta danno i soldi a chi glieli chiede (a patto che abbia i requisiti per poterli ridare) ovviamente aumentando il tasso di interesse a loro piacimento, solitamente ad esempio nei mutui, prendendo come punto di riferimento il tasso di interesse medio di tutte le banche, così nessuno può dire che chiedono troppo, perchè più o meno fanno tutti così.
Interessante notare che le banche, possono prestare anche soldi che non hanno, moltiplicando la moneta attraverso il meccanismo della riserva frazionaria, aumentando così i guadagni.

- Legalità dell'Euro e dell' Eurosistema -

L'eurosistema è in conflitto con la costituzione Italiana, poichè non è vero che "La repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme, disciplina, coordina e controlla l'esercizio del credito" (Art.47 costituzione Italiana).
La repubblica non ha incoraggiato il risparmio ma i consumi e non è in grado di coordinare e controllare l'esercizio del credito. Che per come lo Stato ha gestito la finanza questo non sia stato la scelta peggiore è un'altro discorso sempre discutibile, ma che non si dica che secondo alcuni costituzionalisti il trattato di Maastricht ha rispettato la costituzione perchè in pratica non è così.
L'Eurosistema attualmente non rispetta principi di uguaglianza perchè ammette che le società multinazionali come Clearstream abbiano sede in paradisi fiscali, così come la stessa banca d'Italia ha uno sportello alle Cayman, così come le società aziende multinazionali hanno diverse sedi nei paradisi fiscali, quando invece il commerciante che non denuncia i propri introiti è punibile per legge.
Stampare soldi dal nulla e moltiplicarli non rispetta ugualmente il principio di uguaglianza, questa prassi però è divenuta consuetudine, e siccome le persone accettano questa modalità e le leggi che la tutelano, non è in definitiva illegale, anzi è la prerogativa per fare parte di questa società, o meglio di questo "Club" mondiale che non è il bene assoluto, ma quello che è riuscito per una serie di virtù accompagnate da una serie di vizi umani, a diventare il principale.

sabato 23 maggio 2009

L'Euro - parte prima -

L'Euro è la moneta utilizzata in Europa, o meglio, è la moneta utilizzata dagli Stati Europei che hanno aderito al trattato di Maastricht ed all'Eurozona.
Attualmente hanno adottato l'Euro 16 Stati: Austria, Belgio, Cipro, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Malta, Olanda, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, e Spagna.
Altri stati dell'unione Europea non hanno i criteri contabili per potere accedere alla zona Euro, oppure non considerano conveniente questa scelta che a loro avviso penalizza l'economia.

- Cos'è l'Euro. -

E' una moneta. Convenzionalmente si tende ad associare la parola moneta, con quella di un pezzo di ferro tondo realizzato utilizzando materiale di difficile reperibilità, e che possiede qualità intrinseche quali la durevolezza, la malleabilità, la lucentezza, e magari anche la conduttività elettrica.
Non è così.
L'Euro in realtà può essere definito come misura di ricchezza, o come indicatore della capacità di poter accedere a determinati servizi ed entrare in possesso di determinati beni.
Questa moneta è una moneta che secondo i suoi stessi fondatori, deve essere considerata senza stato, ovvero essere un valore a sè stante.

- Perchè l'Euro permette di poter entrare in possesso di beni e servizi. -

Perchè le persone accettano l'Euro come moneta.
Nel momento in cui le persone smettessero di considerare l'Euro una moneta, oppure dal momento in cui le persone cominciassero a preferire alla moneta EURO altri indicatori di valore, quali altre materie prime come il rame o l'oro, oppure aumentassero l'importanza dei valori quali la riconoscenza e l'amicizia innalzandoli a protagonisti delle contrattazioni, l'Euro diminuirebbe o perderebbe di significato.

- Perché attualmente le persone accettano l'Euro. -

Le persone accettano l'euro per una questione di fiducia. Le stesse istituzioni che stampano e mettono in circolazione l'Euro, come le banche centrali, definiscono infatti il valore dell'Euro un valore fiduciario.
E' pero fondamentale capire che il mondo contemporaneo è ordinato in modo per il quale questo valore debba essere accettato e preso per buono, anche perché le leggi che dettano i comportamenti delle persone all'interno dei singoli Stati considerano questa moneta come obbligatoria per poter svolgere le attività basilari della propria vita.Se io abito in una casa sono obbligato a dovere usare l'Euro per poter accedere all'acqua potabile.
Se io abito in una casa sono obbligato a dover usare l'Euro per pagare la tassa per lo smaltimento dei rifiuti che produco.
Per poter accedere al cibo, in linea teorica, ma di difficile applicazione per tutti, l'Euro non è ancora d'obbligo, sempre che le multinazionali delle sementi non arrivino a brevettare i semi.
Se poi non posso pagare le tasse di iscrizione a scuola (d'obbligo) o non ho i soldi per rifarmi i documenti (d'obbligo) verrò inquadrato come disagiato e mi saranno affibbiati degli assistenti sociali che mi cercheranno di convincere in tutti i modi che sto vivendo in maniera inumana e patologica.
Questo era poi per parlare delle funzioni vitali considerabili essenziali, poiché se voglio fare qualsiasi altra cosa organizzata all'interno di questa società sono in pratica obbligato ad usare Euro. Non posso spedire un pacco senza usare l'Euro, non posso utilizzare la corrente elettrica senza usare l'Euro, eccetera eccetera.
Così si può dire che le persone accettano l'euro per tre motivi:
SI FIDANO di chi stampa l'Euro, lo mette in circolazione e lo utilizza.
Sono obbligate ad usarlo per poter soddisfare alcuni bisogni definiti primari.
Sono invogliate ad usarlo per convenzione e per poter attualmente soddisfare molti di quei bisogni definiti secondari.


- Quanto vale l' Euro -

Per attribuire un valore all'Euro è necessario prendere un unità di misura di riferimento, poiché l'euro in realtà è un valore teorico, non è fissata una quantità precisa di qualche materiale o qualsiasi altra frazione di bene o di servizio che posso permettermi inequivocabilmente con un Euro.
Dopo gli accordi di Bretton Woods del 1944 si è scelto di usare il Dollaro degli Americani, che avevano vinto la guerra, come moneta di riferimento per tutte le altre.
Così solitamente si usa valutare l'Euro in relazione ad altre monete, primo fra tutti il dollaro. Attualmente un Euro vale circa 1,30/1,40 Dollari cambiando a seconda di fattori dell'economia, che possono essere prezzo del petrolio, livello dei prezzi di beni e servizi delle due economie, andamento dei mercati finanziari in particolar modo speculativi ed ovviamente l'operato delle banche centrali nell'immissione di moneta e sulla variazione dei tassi di interesse.E' importante ricordare che nemmeno il dollaro è basato su nulla, ha valore semplicemente per le stesse motivazioni precedentemente elencate per l'Euro, ovvero:
Le persone si fidano di chi stampa, mette in circolazione ed utilizza l'Euro, lo usano perché secondo le leggi degli stati sarebbero obbligati ad usarlo per accedere a servizi basilari, per semplice convenzione e per soddisfare bisogni che altrimenti sarebbe molto più difficile potere soddisfare.

venerdì 22 maggio 2009

Introduzione alla moneta

Tra i vari argomenti che curerò nella nuova versione del blog vi è la moneta in tutte le sue forme.
La moneta è uno degli argomenti che ho preso con maggiore serietà scrivendone già in passato, essendo essa attualmente lo strumento primario che attribuisce valore al lavoro umano, ai suoi artefatti, ed ai beni reperibili in natura.
Una delle cose più complicate da capire è stato l'attuale meccanismo di creazione della moneta, procedimento che per una serie di motivi, è sempre stato poco chiaro alla maggior parte delle persone.
Parlando di moneta ci si scontra con diverse scuole di pensiero di monetaristi illustri, ed ovviamente con quella branca del sapere umano che oggi prende il nome di economia.
E' inevitabile che parlando di moneta si vengano a toccare anche questioni politiche/sociali e filosofiche, poichè chi controlla l'emissione di moneta ha un potere enorme, che spesso finisce per superare quello delle autorità in carica.
Per chi volesse cominciare ad interessarsi di questioni relative alla moneta, suggerisco alcuni articoli che ho già scritto e che riscriverò in maniera più precisa.

- MONETA e MONDO -
- Meccanismo di creazione della moneta -
- Considerazioni sul signoraggio -
- commento da leggere su Marco Travaglio che viene intervistato in merito al signoraggio -

giovedì 21 maggio 2009

Introduzione all'etologia

Tra i vari aspetti che curerò nella nuova versione del blog, ci saranno i discorsi sull'etologia.
L'etologia è alla lettera lo studio dei comportamenti.
Questa scienza è stata negli ultimi vent'anni sottostimata, ed ha finito per essere inglobata dalle psicologie comportamentali e sociali, lasciando altrimenti spazio alla sociologia od all'antropologia, venendo così ad oggi citata solo in pochi avvenimenti che si riferiscono al regno animale.
La cultura occidentale, ed ancor più la religione Cattolica hanno sempre differenziato nettamente gli uomini dagli animali, considerando i secondi come privi di anima, e non meritevoli dopo la morte, di raggiungere il regno dei cieli.
La chiesa con Giovanni Paolo secondo ha poi riconsiderato gli esseri animali, dichiarando che anche loro sarebbero saliti in paradiso, mentre L'ONU e la maggior parte degli organismi internazionali, stanno aumentando i diritti degli animali, seppur utilizzando regole in realtà soltanto di facciata, vietando "l'abbandono" degli animali domestici ma consentendo gli allevamenti intensivi a condizioni impietose.
Personalmente, credo che l'uomo sia molto più simile agli animali di quanto non faccia piacere credere alla maggior parte dei Cristiani, sono però fortemente convinto che egli sia un essere sostanzialmente migliore poiché in grado di poter capire più cose di quante non ne possano capire le altre specie viventi fino ad ora conosciute.
Al di là di questioni di coscienza religiose e metafisiche e della somiglianza col divino, l'uomo è meglio degli altri animali perché è in grado di avvicinarsi di più alla verità e perché può esprimere la sua esistenza nel maggior numero di modi possibili. Egli può com-prendere ciò che gli è attorno sotto un maggior numero di aspetti di quelli che sono caratteristica degli altri animali e condividere questa comprensione spazio-temporale con altri suoi simili.
Ora che ho esposto la mia opinione sulla differenza evidente che intercorre tra uomo e animale posso cominciare ad esaminare comportamenti di alcuni animali che possono spiegare meglio gli atteggiamenti degli esseri umani.
Non oggi però.

mercoledì 20 maggio 2009

Cosa sono le chiavi di accesso

Questo è uno degli strumenti più utili che si possano trovare in un blog, ed uno di quelli che più mi sono serviti per capire come funziona il mondo di Internet.
Se si gestisce un sito Internet od un blog e ci si registra ad un contatore come Shinystat, si può avere modo di sapere diverse cose riguardo a ciò che avviene nel proprio spazio virtuale.
Shinystat ad esempio, offre gratuitamente la possibilità di monitorare tutti gli accessi che avvengono nell'indirizzo internet scelto (ad esempio il mio) , di questi è possibile sapere:
Città e paesi di provenienza, quali siti internet hanno portato attraverso un collegamento fino a qua, quali motori di ricerca, ed anche attraverso QUALI chiavi di ricerca, ovvero ricercando quali parole qualcuno ha avuto accesso al blog.
Tra la sezione argomenti sulla sinistra della pagina, potrete vedere come in "chavi di accesso", io riporti ogni mese un analisi personale delle parole o frasi che più mi hanno colpito.

P.S. Il contatore l'ho posizionato in fondo alla pagina, indica quante persone stanno visitando la pagina nel momento in cui si guarda e quanti sono stati gli accessi unici al blog (in realtà se dopo circa un ora si riapre la pagina il contatore considera l'accesso come se fosse quello di un altra persona)

Presentazione

Qualcuno potrebbe chiedersi chi è in realtà Arthur.
Sul lato a sinistra trovate le mie informazioni generali di blogger, oltre ad un link a Myspace, dove, nel mio profilo, sono presenti altre informazioni ed una foto.
Mi chiamo Antonio sono nato e vivo a Cento di Ferrara.
La mia occupazione all'anagrafe è libero professionista, diciamo che affito case, in realtà trascorro attualmente buona parte del mio tempo semplicemente a leggere.
Ho un diploma da ragioniere ed una laurea in psicologia, non ho voluto approfondire gli studi in ambito psicologico, perchè era venuto meno il mio interesse verso gli ambienti correlati a questo mondo ed alle sue teorie.
Mi piace, tra le altre cose: viaggiare, fare trekking, andare in snowboard, giocare a fresbee, leggere, ogni tanto curare il verde e fare da mangiare.
Non gestisco altri blog oltre a questo, in passato ho creato per il pesce d'Aprile un paio di blog fasulli, uno di Flavio Base che dimenticava le mutande a casa delle blogger più simpatiche, e quello di quest'anno scritto da una tal Elisa D'Eppreci che invitava a visitare il suo blog dove l'unico tema era quello della coprofagia.

P.S. Ho Facebook, ma lo uso poco e non aggiungo persone che non conosco. Per mandarmi un messaggio privato potete usare Myspace.

martedì 19 maggio 2009

Arthur

Mi chiamo Antonio.
Arthur in realtà è il nome di uno dei protagonisti del famoso telefilm Americano Happy Days; quando ho iniziato a scrivere in questo spazio, quel personaggio mi aveva ispirato, e mi sembrava un buon modo per buttarsi in quella che alcuni hanno definito "blogosfera".
Continuo a firmarmi Arthur per non creare confusione , soprattutto in virtù di tutti i commenti che ho postato in giro per vari blog.
Così ora sapete perchè mi firmo Arthur.
Se guardate in basso nella pagina del blog troverete un omaggio a questo nome, che spero mi sia di buon auspicio: la stella di Arturo in alto a sinistra, è una delle stelle che più brillano in cielo e Re Artù o King Arthur, è il protagonista delle leggende sui cavalieri medioevali della tavola rotonda.
Arthur Schopenhauer è uno dei filosofi più conosciuti indipendenti e stimati della filosofia moderna, mentre su Fonzarelli potete trovare tanto altro materiale anche all'interno del blog. Nella seconda riga ho voluto inserire Arthur C. Clarke, un grande scrittore di fantascienza da poco scomparso, che ha ispirato diverse ricerche scientifiche, alcune delle quali diventate oramai scienza e non più fantascienza.
Conan doyle, inventore di Scherlock Holmes, è infine considerato l'inventore del romanzo giallo.
La donna che siede di fronte all'Orso pare essere uno dei simboli della Dea Artio, Dea Celtica della Caccia. Arthur deriverebbe secondo alcuni dal termine usato dai Galli per chiamare gli Orsi, altri lo fanno risalire ad un origine Etrusca.

Ho scritto altro su Fonzie:
Omaggio a the Fonz
Athur Fonzarelli ed Happy Days
Fonzie is back

domenica 10 maggio 2009

Happy porno days

Tutto questo mi ricorda il titolo di un romanzo dello scrittore Morozzi: L'era del porco.

E' uscito il rifacimento porno di Happy days assieme a quello di Star trek.

This aint' Happy Days.

Mi associo agli attori con un "no comment" e comunque, come scrissi due anni fa all'inizio del blog, non sono mai stato un fan della serie. Mi piaceva il personaggio di Fonzie perchè viveva la sua vita accendendo a calci il juke box, aveva una saggezza interiore, e poi se ne andava per i cavoli suoi abbandonando un mondo che non condivideva.
Era uno dei telefilm più falsi che potesse esistere, ma forse era il suo bello, e da un certo punto di vista, la sua genuinità di prodotto da intrattenimento.
Non è escluso a breve per il secondo anniversario del blog, un nuovo quaderno degli appunti.
Ora devo fare il punto della situazione, posso tentare di scrivere un romanzo sulla fine degli anni 90, le cose sono andate troppo in fretta. Mi pare cosa buona fermarsi e cercare di capire dove stiamo andando e magari tornare indietro, prima di andare a sbattere. Tutta questa tecnologia, tutta questa conoscenza, tutta l'industria dell'intrattenimento e la globalizzazione hanno disorientato un pò tutti, ed ovviamente anche me.

A presto, amici.

venerdì 8 maggio 2009

Ehm...

____▓_▓_▓_▓_▓_▓_▓____
___▒_____________▒___
__▒_______________▒__
__▒__██_______██_▒__
_▒▒_______________▒▒_
__▒________________▒__
__▒____█_____█____▒__
___▒____█████____▒___
____▒▒▒▒____▒▒▒▒____
________▒___▒________

SCARABOCCHIO

BY ARTHUR 2009

lunedì 4 maggio 2009

Le frottole de "le frottole del signoraggio secondo fotogian v 2.0"

Non mi aspettavo di trovare ancora gente così scettica sulla faccenda del signoraggio, mi aspettavo naturalmente che ci fosse gente pronta a dire che la sovranità monetaria oramai non può più essere degli stati, oppure gente pronta a dire che il signoraggio è un guadagno limitato, ma non mi aspettavo che ci fosse ancora gente che dicesse "il signoraggio è una bufala".
Ecco il documento che viene spesso portato ad esempio per smentire il signoraggio.

Se vi interessa il tema, come a molti, apritelo e leggetelo senza chiudere questa pagina.
Ecco come stanno le cose:
La tesi sulla quale si sviluppa tutta la teoria di Fotogian e quella di molti economisti attuali, e la maggior parte dell'economia attuale è che CREARE BANCONOTE NON VUOL DIRE CREARE RICCHEZZA.
L'economia attuale si può dire che tenga in considerazione non tanto la moneta in se, ma quanto velocemente essa gira all'interno di uno stato ed al suo esterno, creando ricchezza reale come ponti, strade, scuole, istruzione, migliorando servizi eccetera. Questa economia considera lo sviluppo dei paesi attraverso indicatori, primo tra tutti il PIL.
Ma c'è un punto fondamentale che questa economia non considera. COME SI MISURA IL PIL? IL PIL SI MISURA IN DOLLARI, o in altre monete che comunque sono tutte convertibili ed agganciate al dollaro. PER QUESTO MOTIVO ANCHE SE CREARE BANCONOTE NON SIGNIFICA DIRETTAMENTE CREARE RICCHEZZA, CREARE BANCONOTE SIGNIFICA COMUNQUE INFLUENZARE LA RICCHEZZA ED IL SISTEMA ECONOMICO, e se alla creazione di moneta si aggiunge la possibilità di variare il TASSO DI INTERESSE, si arriverà a capire che LE BANCHE CENTRALI HANNO IN MANO LA GESTIONE dell'ECONOMIA DEL PIANETA.
Quanto ho scritto mi sembra palese e penso che nessuno possa controbattere. Detto questo, andiamo avanti.
Il Signoraggio secondo la Banca d'Italia, secondo Fotogian ed anche secondo me, può essere inteso come
insieme dei redditi derivanti dall'emissione di moneta

Bene.
Nel paragrafo 1.4 si trova il primo errore di calcolo di Fotogian che imputa il costo di quattro centesimi ad ogni anno, mentre secondo l'esempio quello è il costo fisso di stampa e andrebbe calcolato solo per il primo anno. Ma questo è un errore veniale.
La definizione di Signoraggio qui data
cioè la riduzione di valore reale
della moneta legale determinata dall'aumento dei prezzi
non ha senso, cioè il reddito derivante dall'emissione di moneta sarebbe secondo questa definizione uguale all'inflazione che la moneta subisce, ma ciò non ha alcun senso, se qualcuno pensa di potermi spiegare questa versione sarei contento che lo facesse nei commenti.
Nel paragrafo 1.5 si parla delle Banche Centrali e del loro reddito da signoraggio, che stando al bilancio ed allo statuto attuale è veramente minimo. Questo lo posso confermare, e molti che parlano di signoraggio fanno confusione.
Nel paragrafo 2 si arriva a colpire la questione del signoraggio, o della sovranità monetaria. Fotogian cita Modigliani "in tutti i paesi
ragionevolmente sviluppati, il governo finanzia il proprio disavanzo
vendendo obbligazioni, non stampando moneta che non è abilitato ad emettere. La
moneta infatti è stampata dalla banca centrale che decide l'ammontare di debito
pubblico e altre attività che essa desidera acquistare
”(leggete più avanti nel post cosa lo stesso Modigliani pensi delle banche centrali)
Questo però è un concetto relativo, soprattutto quel "ragionevolmente sviluppati" Infatti l'America da principio fece una guerra con l'Inghilterra proprio per potersi stampare la moneta come stato e non prenderla dalla banca centrale Inglese, America che nel 1913 ha poi ceduto la propria sovranità monetaria, cosa che fecero in seguito la maggior parte dei paesi odierni dopo le fine della Seconda guerra mondiale. E' importante notare che la perdita della sovranità monetaria rappresenta un situazione di fatto anticostituzionale per il nostro paese, e che non è per forza di cose L'UNICA SOLUZIONE POSSIBILE è soltanto la soluzione che i grandi banchieri hanno preferito adottare per paura di altre guerre, questa è in pratica uno dei punti cardini della GLOBALIZZAZIONE mondiale dell'economia e della società, uno dei punti per il quale Kennedy decise di remare contro (e che sia stato ucciso per questo fatto non posso saperlo).
Liquidarla come qualcosa di scontato per un paese moderno, come fanno gli attuali libri di testo, soprattutto consci degli enormi aspetti disfunzionali che ha portato la globalizzazione, è un atteggiamento non veritiero se non proprio mendace. Io non voglio dire che la soluzione di Kennedy di stampare moneta governativa con copertura argentea fosse la soluzione per forza di cose migliore, ma dato che anche gli stessi economisti guru di Wall Street hanno di recente pensato al ritorno del Golden Standard, continuare a pensare a questo sistema economico del debito come L'UNICO ED IL MIGLIORE POSSIBILE è sbagliato.

Fotogian poi ci spiega che le banche Centrali non possono comprare direttamente titoli del deito pubblico per fare si che il capitale privato vada a coprire parte di questo debito e quindi l'inflazione. Ma questo è un discorso che attualmente lascia il tempo che trova. Perchè comunque stiano le cose, lo Stato, deve pagare il debito pubblico a qualche d'uno.
Debito pubblico che è pari a 1700 miliardi di Euro e che produce interessi passivi per lo stato pari a ottanta miliardi di Euro. Questi 80 miliardi che lo stato deve pagare in un anno, per dare un idea, corrispondono al doppio del valore delle tonnellate di riserve auree della banca d'Italia.

Nel paragrafo 2.4 Fotogian ci spiega che non esiste legame deterministico tra aumento di moneta ed aumento dei prezzi. Io posso essere d'accordo su questo fatto, infatti ci sono tante variabili che influenzano i prezzi dei beni, non soltanto la quantità di moneta circolante. Se la BCE stampa miliardi di Euro, poi si scopre ad esempio che le riserve del petrolio sono molte di più di quelle che si pensava, ed allora il prezzo del petrolio scende, allora anche se le banconote in circolazione sono aumentate, non è escluso che vi sia comunque una diminuzione dei prezzi, e perciò minore inflazione.
Sempre per fare un esempio, se un giorno viene un cataclisma che spaventa mezz'Europa, e le persone iniziano ad essere disposte a lavorare in impieghi più umili, per meno soldi, allora il costo del lavoro diminuirà ed il valore del denaro aumenterà, facendo diminuire così l'inflazione.
Se per qualche motivo ad esempio legato ad una nuova teconologia agricola, il prezzo del grano cala sensibilmente, allora può darsi che l'inflazione diminuisca anche se le banconote aumentano.
Questo tuttavia non può prescindere dalla legge generale della domanda e dell'offerta che seguono tutti i beni nel mercato. IN UGUALI CONDIZIONI, UN AUMENTO DI OFFERTA DI UN BENE, RIDUCE IL PREZZO DEL BENE.
IN UGUALI CONDIZIONI, UN AUMENTO DELL'OFFERTA DI MONETA, TENDE A FARE AUMENTARE I PREZZI DEI BENI E SERVIZI.
Le condizioni ovviamente non sono sempre uguali, ma le analisi storiche e nel lungo periodo lo confermano.

La risera frazionaria per Fotogian
Per fotogian le banche in effetti possono moltiplicare l'offerta di moneta, egli smentisce la teoria secondo la quale l'offerta di moneta possa essere con un coefficiente di riserva obbligatoria pari al 2%, moltiplicato fino a 50 volte.
In realtà la questione è un pò macchinosa. Se consideriamo il sistema bancario nella sua totalità, poichè oramai i soldi finiscono per passare sempre nei circuiti bancari, ci rendiamo conto che in effetti, le banche possono moltiplicare l'offerta di moneta attraverso il prestito fino a cinquanta volte. E' chiaro che la banca non ricava da un prestito cinquanta volte tanto più gli interessi, come Fotogian lascia intendere credano tutti quelli che si occupano della questione del signoraggio, perchè la banca dovrà rendere disponibili i soldi che ripresta sottoforma di contanti oppure di garanzie verso le altre banche, mediante la banca centrale (da quanto risulta).
In definitiva però il sistema bancario moltiplica moneta enormemente, e può guadagnare da questa moltiplicazione, ulteriori interessi, che provengono da denaro creato soltanto perchè qualcuno si doveva indebitare. Infatti il meccanismo attuale, funziona proprio nel modo in cui la banca centrale decide di emettere soldi quando le banche commerciali ne hanno bisogno, quindi è un circuito per il quale, ci saranno sempre soldi per chi vuole indebitarsi, l'importante è che li restitisca o verranno pignorate le cose a garanzia.

Nel paragrafo 4.2 Fotogian spiega che lo stato si indebita perchè spende più dei soldi che incassa. Questo è giusto, ma si dimentica sempre di ricordare i famosi interessi sul debito pubblico che pesano enormemnte, e che le sole volte in cui lo stato Italiano era in pareggio sono state nell'economia Fascista, dove il sistema bancario era secondo diverse fonti quasi del tutto statalizzato, e con la destra storica, quando ci furono le rivolte per la tassa sul macinato. Ad oggi non c'è un solo stato che abbia l'economia aperta senza debito pubblico.
Nel paragrafo 4.3 Fotogian dice che il debito pubblico a fine degli anni 90 è diminuito a seguito di un espansione di moneta, questo però non significa nulla, anche perchè al tempo lo stato stava continuando a privatizzare le aziende.

Fotogian critica la moneta di Guernsey, ma il punto è questo: se gli appartenenti ad una comunità lavorano in armonia e di comune accordo non si crea debito pubblico, come fanno notare alcuni esperti di bilancio partecipativo.
SECONDO LA MIA MODESTA OPINIONE può essere divertente ed utile il seguente esempio:
Mettiamo che la region Sardegna voglia crearsi una moneta propria in base alle necessità della comunità.
Innanzitutto, il mondo intero comincerebbe a dire che sta andando in controtendenza con l'economia, poi dovrebbe fare una moneta convertibile con il dollaro e le altre, per potere scambiare i beni, ed a quel punto la sua valuta sarebbe soggetta alle speculazioni di terzi (Soros docet) che potrebbero sconquassare l'economia locale, comincerebbero ad entrare nei circuiti bancari internazionali e sarebbero da quel momento facilmente influenzabili, a meno che per assurdo la Sardegna non possedesse un prodotto importantissimo quale il petrolio in grandi quantità, a quel punto vedrete che per poterlo vendere sarebbe comunque obbligata a vederlo in un altra moneta (Saddam docet) oppure si inimicherebbe ulteriormente i compratori...
Se la Sardegna decidesse di non rendere la sua valuta convertibile, e riuscisse a svilupparsi armoniosamente senza bisogno degli altri stati se non magari barattando qualche prodotto con un altro come fa la Libia, allora, sarebbe isolata dal resto del mondo, probabilmente dichiarata stato anti-democratico e sarebbero mandati al suo interno degli economic hit-man per affossare i rappresentanti del popolo come facevano gli Americani con gli stati del Sud, per fare credere alla popolazione di vivere in un governo ingiusto e per la minima cazzata la stampa internazionale direbbe che non c'è libertà di stampa e si lamenterebbe con gli organismi multinazionali perchè non intervengono, perchè la gente vive senza l'accesso ad internet o roba così. Certo si potrebbe obbiettare che starsene chiusi in un isola riducendo al minimo i rapporti col mondo non è il massimo, ma forse considerando il tenore di vita di alcuni occidentali non sarebbe nemmeno il minimo.

Nel capitolo 5 Fotogian precisa che la moneta non è un debito ma è un credito nei confronti dell'ente emissario. Questo è chiaro ma il punto della questione è che si chiama moneta debito perchè non è controbilanciata da alcun valore come lo era una volta con l'oro, ma semplicemente esiste perchè qualcun altro (uno stato, un cittadino ecc..) si è indebitato.
Fotogian dice che il controvalore aureo non è mai esistito. Questo, almeno in linea teorica non è vero, quando era previsto avrebbe dovuto esserci, che le banche facevano poi in modo di evitare idi convertire è un altra storia ed anche abbastanza inquietante. Con altrettanta naturalezza Fotogian ammette che i cittadini degli stati uniti, non potevano possedere dagli anni 30, cioè dopo la grande depressione, assolutamente oro, e questo lo dice senza porsi il dubbio che sia atroce pensare che il Paese della democrazia, del sogno Americano, abbia confiscato a tutti i suoi cittadini l'oro che possedevano e vietato il possesso fino agli anni 70.

Nel paragrafo 6.6 Fotogian dice che usiamo l'Euro semplicemente perchè sappiamo che gli altri sono disposti ad accettarlo, poi però si ricorda di aggiungere alla fine del paragrafo, come fosse di importanza secondaria, che “tra le regole c'è ovviamente anche quella che ci impone di accettare in pagamento la moneta legale in vigore nel nostro stato, ieri la Lira e oggi l'Euro.” come se la moneta si usi perché la accettano “gli altri” e che il fatto del coro forzoso quindi imposto sia qualcosa di naturale.
Nel paragrafo 7.1 Fotogian dice che la Banca d'Italia non è una S.p.a. Mentre lo è ma è di diritto pubblico. In altre parole è una società per azioni che non sta alle regole delle altre società ma alle regole del diritto pubblico, dove però chi decide il governatore è in realtà la banca stessa tramite una lista.
Nel paragrafo 7.2 si diceva che era una frottola il fatto che i soci fossero occulti, in realtà corriponde al vero poiché un elenco ufficiale non era mai stato pubblicato e Famiglia Cristiana si impose per prima perchè fossero noti i soci della Banca d'Italia, banca che pur operando per l'Italia ha una sede anche nel paradiso fiscale delle Cayman, il che può fare riflettere anche sulla liceità dal punto di vista fiscale dei suoi affari, una notizia di qualche anno fa riportava anche la banca d'Italia come socia di un fondo di investimento speculativo alle isole di circa 100 milioni di Euro, che non sono tanti ma nemmeno pochi.
Inoltre nel paragrafo 7.3 Fotogian crede che le fondazioni bancarie siano elette in regime di democrazia dagli enti locali quando non è così.

Nel paragrafo 7.4 Fotogian fa anche egli notare che “negli USA ci sono banche fuori dal
controllo della Banca Centrale, la FED. Si tratta di istituzioni definite banche di fatto,
banche-ombra o sistema bancario parallelo, i cui asset, ha spiegato l'attuale segretario al
Tesoro americano Geithner sono “collocati al di fuori del sistema bancario tradizionale”.
Questo discorso però non è tranquillizzante, è l'ammissione di altri circuiti off-shore, probabilmente paradisi fiscali. Fotogian fa notare che le altre banche sono di diritto pubblico il cui capitale è posseduto dallo Stato. Ciò comunque non è così importante, perchè accettando oramai l'Eurosistema ed essendo la BCE in parte privata, il problema non si sposta, Inoltre tutta l'economia è un economia del debito convertibile con il dollaro, moneta debito per eccellenza.
Per finire Fotogian si lascia andare a dei commenti che cerchino di avvalorare il più possibile la sua tesi come Kruger, che cita alte volte, per il quale “oggi praticamente tutti gli
economisti ... concordano sul fatto che la Grande Depressione fu causata da
un'improvvisa caduta della domanda...ma all'epoca questo non era assolutamente il
pensiero della maggioranza”. Curioso notare come una serie di Economisti non la pensi affatto così
come quelli della scuola Austriaca, che danno la responsabilità anche alla politica della FED. Consultando http://cronologia.leonardo.it/mondo19o.htm è ancora possibile vedere gli articoli di giornale che parlavano degli speculatori (in realtà le stesse grandi banche come La J.p. Morgan) che avevano gonfiato il mercato con prodotti come i Margin.
Fotogian invita inoltre a non decontestualizzare le frasi celebri citate nei siti sul signoraggio e sulla sovranità monetaria, anche perchè l'economia non sempre era comprensibile ai più.
Può però essere distorto molto il significato di:
“La nostra politica è quella di fomentare le guerre, ma dirigendo Conferenze di Pace, in modo che nessuna delle parti in conflitto possa ottenere guadagni territoriali. Le guerre devono essere dirette in modo tale che le Nazioni, coinvolte in entrambi gli schieramenti, sprofondino sempre di più nel loro debito e, quindi, sempre di più sotto il nostro potere” Amschel Mayer Rothschild 1773 ???
oppure
“Dare alle banche la possibilità di creare la moneta è come darsi in schiavitù e pagarsela pure
[Sir Josiah Stamp, vecchio governatore della banca d'Inghilterra]”, “L'attività bancaria fu fecondata dall'ingiustizia e nacque nel peccato. I banchieri posseggono il mondo. Toglieteglielo via, lasciando loro il potere di creare denaro e con un colpo di penna creeranno abbastanza depositi per ricomprarselo. Toglieteglielo via in qualsiasi modo e tutti i grandi patrimoni come il mio scompariranno, ed è necessario che scompaiano, affinché questo diventi un mondo migliore in cui vivere.
Ma se preferite restare schiavi dei banchieri e pagare voi stessi il costo della vostra stessa schiavitù, lasciate che continuino a creare denaro.” ???
[Sir Josiah Stamp, Direttore della Banca d'Inghilterra tra il 1928 e il 1941, considerato a quel tempo il secondo uomo più ricco di tutta l'Inghilterra.]
o ancora
"Non è tollerabile che una banca centrale, isolata, che non ha nessuna responsabilità né l'obbligo di spiegare quello che fa, possa continuare a creare disoccupazione mentre i governi stanno zitti"
[Modigliani, premio Nobel per l'Economia, su "Il Tempo" del 22/10/2000] ????
Questo per dirne solo alcuni.

Un altra perla di Fotogian al punto 10.2, cito le sue parole :
“Dunque come credere che solo la truffa del signoraggio duri da 300 anni senza aver
generato alcun crack? Dove sono le ipotetiche gigantesche ricchezze accumulate nel corso di 3 secoli dai banchieri centrali? Come sono stati spesi i tanti soldi del signoraggio finite in poche mani?”
Dunque io non penso come erano arrivati ad insinuare alcuni, che davvero la banca d'Italia, abbia conti miliarari alle Cayman derivante del mettere le banconote al passivo, ma non posso esserne sicuro, perchè del resto avendo conti nei paradisi fiscali potrebbe in linea teorica anche essere vero. Quello però che so è che le banche come la FED, potendo scegliere il tasso di interesse e l'ammontare del denaro in circolazione possono controllare il mondo. Il signoraggio non è una truffa perchè la gente non dice nulla, quindi in realtà è diventata consuetudine che le banche creino i soldi dal nulla ottenendo il lavoro degli altri. Le ipotetiche grandezze derivanti da questo sistema economico si possono riscontrare nei patrimoni di personaggi quali Rockfeller, presidente di associazioni mondialiste che ha opere immense ovunque ed una fondazione che agisce ad esempio scavando una fortezza sotto al mare dove tiene una banca dei semi vegetali, onde scongiurare una totale contaminazione degli OGM che potrebbero rivelarsi dannosi, oppure nella famiglia Rothschild, in grado di finanziare la creazione dello Stato d'Israele. Non è tanto importante sapere quanti soldi hanno accumulato alcuni personaggi legati alle banche di emissione quali la Fed, è più importante sapere che essi avevano in mano l'economia del mondo ed erano sempre e comunque creditori di tutti coloro che accettavano questa moneta.

Nel punto 13 , le banche centrali sono nate perchè in quel modo si gestiva meglio l'economia del paese, banca centrale però non è uguale a banca d'emissione che trae interesse sulla moneta che presta allo stato e si arricchisce alle spalle dello stato, come faceva la Banca D'Inghilterra.

In sostanza con l'attuale sistema economico si è creata una situazione dove i grandi banchieri possono faclmente ottenere ricchezze enormi, facendo crescere un debito che non è redimibile in quanto i soldi per pagarlo nell'intero sistema non esistono, visto che la frittata è fatta e che i diritti umani delle nazioni unite contrastano con il sistema economico vigente stanno probabilmente pensando di sostituire la moneta con valuta elettronica, ordinando la gente secondo criteri presi da organismi multinazionali, mediante una presunta democrazia che in realtà non esiste.
Gli stati sono succubi di questi poteri forti ed il bombardamento mediatico, se non l'intera società è ordinata con lo scopo di focalizzare l'attenzione su problemi minori ed anche, non so se intenzionalmente, ad omologare gli individui.

Chiavi di accesso di Aprile

Quasi dimenticavo le chiavi di accesso del mese scorso.


1 - "3.33 l'ora di satana" Mah. strana chiave di ricerca non avevo mai sentito 3.33 orario di Satana, la cosa inquietante è che la chiave ha portato al mio blog perché quando scrissi il post sul satanismo andai in effetti stranamente a dormire molto tardi e pubblicai il post proprio alle 3.33 di notte. Boh ma non sarà stato più logico 6.66 Orario di Satana?
2 - "come passano la pasqua gli ebrei?" Mangiando pane azzimo, si restringono le regole del cibo kosher (puro), si prega con maggiore assiduità, vi sono alcune cerimonie durante l'alba. Imparo anche io adesso che si chiamino Agaddah e Seder di Pesach le narrazioni riguardo al popolo d Israele come la fuga dall'Egitto, che si ricordano in famiglia durante questo periodo.
3 - "come si praticava la vendita delle indulgenze?" Su cronologia Leonardo, vi è come spesso mi capita di trovare, un resoconto, preciso e conciso. In breve, la vendita delle indulgenze, dove i peccati potevano ottenere l'assoluzione se pagata l'indulgenza, era presa con scetticismo in Italia, ma si riscontrava in particolar modo squallida in Germania, dove c'era addirittura il listino prezzi.
4 " L'economia degli Ospitaleri" So che gli ospitaleri affiancarono e sostituirono i Templari nel loro ruolo in terra Santa e che si trasferirono a Rodi Prima ed a Malta poi, Malta tra l'altro deve il nome della sua capitale al gran Maestro degli Ospitaleri, che si chiamano tutt'ora cavalieri di Malta, e secondo alcune fonti non verificate come David Icke, controllano parzialmente il FMI. Se i Templari furono i banchieri più potenti d'Europa nel XIII secolo, immagino che anche gli Ospitaleri sapessero e sanno il fatto loro riguardo alla gestione finanziaria. Sempre ricercando in internet ho trovato una notizia molto curiosa: parte dell'Antartide, Antarticland, è attualmente sovranità dell'ordine di una branca dei Cavalieri di Malta (i cavalieri di Ghiaccio) da quando salvarono la vita allo Zar Alessandro primo, venne infatti donato loro questo territorio. Attualmente sovrano del territorio è il gran Maestro di 42 esimo grado dell'ordine dei cavalieri di Antarticland Sir Giovanni Caporaso Gottlieb, che ha eliminato la segretezza dell'ordine, reso il paese un paradiso fiscale, ambienti nei quali, a quanto si legge, lui lavora spesso.
5 - " la spiegazione di me cago en el amor" Innanzitutto il testo va letto qui , perché il primo risultato che mi dava google era una pagina con tutte le parole sbagliate. Tonino Carotone parla con il cuore del mondo e del sentimento dell'amore, ma è un monologo per sfogarsi, dice che il cuore lo fa soffrire e che non gli dispiace. Non vorrebbe soffrire, ma comunque è così, sta soffrendo ci sta bene, dice di fregarsene dell'amore ma in realtà vuole esternalizzare ed oggettivare il sentimento che lo fa soffrire e dire che se ne frega.
6 - " organo riproduttivo maschile pollice ok" Questo, a Mio avviso, è uno di quelli che cerca simboli di pansessualizzazione ovunque. Mah, io non ce lo vedo.
7 - "porno e' come la droga?vero?" Sui meccanismi neurologici che inducono dipendenza vi è una sterminata bibliografia, per quanto riguarda il porno, la questione in un certo senso può essere simile, dovrebbe essere meno deleteria per motivi fisiologici.
8 - "Setta Russa Evirati" Avevo già trovato una chiave di ricerca simile, io però in effetti non conoscevo nessuna setta di evirati, ho trovato una setta Russa definita degli Skopzi in un romanzo di Alicia Giménez-Bartlett, l'ho poi ritrovata in diversi altri documenti definita come setta segreta religiosa fondata nel XVIII secolo in Russia, anche Lombroso in un suo trattato accenna alla loro esistenza, e in questo trattato sulle mutilazioni genitali femminili, ho trovato la seguente frase:
"un gruppo settario di monaci ortodossi, conosciuti come Skopzi, praticava la castrazione volontaria sia degli uomini che delle donne, per ragioni religiose simili a quelle che portarono un Padre della Chiesa, Origene, in giovane età, secondo quanto riferisce Eusebio di Cesarea (Historia eccl., VI, 8), ad auto castrarsi: vale a dire, quella di divenire eunuchi per il Regno dei Cieli (Mt. 19, 12)."

domenica 3 maggio 2009

Parliamo di film. Ma quale è poi il paese per vecchi?

Continua la moria di blog, tra i tanti, dopo due blog, anche le avventure del mitico L. sono terminate per motivi personali. A risentirci comunque L.

Nei prossimi post, parlerò un pò di film importanti e pellicole di divulgazione molto interessanti che si possono reperire su youtube.

Sempre a causa di internet, sono poco aggiornato sui film del "Mainstream" usciti di recente . L'ultimo film che ho visto al Cinema mi pare fosse "Come Dio Comanda" di Salvatores tratto da un romanzo di Ammaniti, che è attualmente il mio scrittore preferito.
Bene, mi sto riaggiornando un attimo, non avendo visto nessun film uscito nel 2009, purtroppo mi sono perso anche The International, aspetterò che esca in DVD.

Ieri intanto mi sono visto quello che è considerato dagli Oscar il miglior film dell'anno scorso, ovvero "No country for old men" vincitore di quattro premi Oscar.
Che dire, per presentare un film del genere bisogna partire dall'idea che siamo davanti alla trasposizione cinematrografica di un romanzo del vincitore del premio Pulitzer nel 2007 Cormack Mc Carthy, romanzo che purtroppo non ho letto ma sicuramente interessante.
Il film non è poi così semplice come potrebbe sembrare da capire. Chi me lo ha prestato mi ha detto che non aveva idea del perchè gli avessero assegnato quattro premi Oscar, mentre se date un occhiata all'ultima scena del film su Youtube, e soprattutto ai commenti, vi renderete conto che ci sono un sacco di pareri contrastanti su quanto voglia dire il film.
Io penso di avere capito una serie di cose interessanti. Innanzitutto i fratelli Cohen sono molto acuti e precisi, quasi geniali direi. In un film ambientato nel 1980, hanno fatto comparire cose che in un film prodotto nel 1980 non si sono mai viste.

Innanzitutto, e per essere sicuro di scrivere questo ho dovuto riguardare il film più volte, quello che a prima vista non si capisce è che lo scambio di droga è un affare che c'entra coi poteri forti, legati con gli stessi enti governativi, che trafficavano o riciclavano la droga.
Il pezzo grosso che sta dietro la scrivania del grattacielo, viene infatti chiamato da Carson Wells (Woody Harrelson) "si Signore", Carson poi dice "E' per questo che avete chiamato me", "possiamo", dopodichè quando fa notare che manca un piano nel palazzo (probabilmente un piano segreto), l'uomo dietro alla scrivania dice "indagheremo" detto come da qualcuno che è solito "indagare". A riconferma di tutto ciò, alla fine del film, il vecchio grasso dice allo Sceriffo (Tommy Lee Jones) parlando del super Killer che è imprevedibile, e che ha ucciso prima un portiere e poi un ex colonnello militare in pensione, che poteva essere solo Carson.

Alla luce di questo tutto il film assume un significato diverso.

Josh Brolin diventa il bravo ragazzo Americano che però si lascia prendere dal denaro, ruba i soldi sporchi, e poi, in un momento di incertezza chiama Carson per mettersi d'accordo sullo scambio e ricevere protezione. Quando sa che Carson è morto, dice al super killer che lo sarebbe andato ad uccidere subito, ma ancora in un momento di debolezza, preferisce prendere tempo e mettere in salvo i soldi, mettendo in pericolo la moglie, e scappa a piedi.

Woody Harrelson, è in realtà l'esperto mlitare che però non ha grandi principi, simbolo del servo dell'America corrotta assieme all'uomo dietro alla scrivania. Quando si trova a faccia a faccia con il killer e sa che sta per essere ucciso, gli viene chiesto dove lo avevano portato le regole che aveva seguito fino a quel momento.

Tommy Lee Jones, a differenza di quanto dicono molti commenti su YouTube, è un vecchio incapace che ha vissuto come altri vecchi che si vedono nel film, in un mondo di consuetudini, costruendosi una visione del mondo edulcorata e parziale. E' in realtà l'inetto che vive in un passato migliore, perchè trascorso in una zona dove a violenza non era così presente. Ha paura del Killer, e lo considera un fantasma, perchè è qualcosa che non può capire. Non sa bene perchè uccide perchè non sa bene nemmeno quello che accade attorno a lui, e anche le volte in cui se ne acorge, non sa come reagire, difatti se lo fa sfuggire.

Javeier Bardem è il killer spietato ma come dice Carson, ha dei suoi principi. Lui fa la sua vita, non segue regole dettate da nessuno. Forse era anche lui un militare ma non è dato saperlo, soltanto si sa che è stato contattato dall'uomo dietro la scrivania; è una figura fuori dal tempo e da ciò che sta intorno a lui, nella sua apparente follia, si ritrova una grande coerenza interiore, è una specie di angelo della morte o di demone, pienamente consapevole di ciò che accade intorno a lui, ed uccide tutte le persone che secondo lui non meritano di vivere, quando non ha una motivazione forte per farlo, si affida al destino, lanciando una moneta. E' una persona molto intelligente e sensibile, ed ha assorbito il male attorno a lui, vivendo così per questo.


Questo film è molto interessante. Non è un film che si poteva trovare negli anni ottanta come scrivevo prima per diversi fattori.
Innanzitutto insinuare il coinvoglimento di enti governativi Americani negli sporchi traffici, anche se era stato fatto in altri film quali Scarface, non era tanto comune nei film dell'epoca.
Il fatto poi che non vi sia nemmeno un eroe è emblematico. Sono tutti personaggi più o meno negativi. Tommy Lee Jones è in realtà una buona persona, ma non vuole avere nulla a che fare con il mondo che lo circonda, è legato ancora al passato e non può vincere con i suoi mezzi il male, pur essendo la persona più positiva non può essere considerato un eroe perchè è di fatto un inetto, un vecchio che semplicemente è altro e che si rende conto di vivere in mezzo a qualcosa di sbagliato.
Il sogno finale di Tommy Lee Jones è interpretabile in tanti modi, i soldi che perde sono forse un segno dei soldi che sono divenuti strumento del diavolo, come gli stessi cento dollari insanguinati che il bambino accetta dal killer reduce dall'incidente di auto. Sono soldi che Tommy Lee probabilmente nel suo inconscio non vuole. Il padre forse era per Tommy Lee un simbolo di tempi migliori, lo segue perchè forse lui aveva trovato la via della luce meglio che Tommy Lee stesso. Ma questo non significa per forza che il passato , che gli uomini di un tempo fossero realmente migliori. Significa che per lo Sceriffo suo padre è ancora la figura da seguire, che è arrivato all'età della pensione sentendosi ancora bisognoso di una guida come il padre, è perciò ancora immaturo rispetto a lui.
E' una storia davvero triste. Forse I Cohen volevano fare notare come il mondo e l'America siano stati gestiti ed ordinati i modo così sbagliato, che le persone come lo Sceriffo potevano solo rifiutarsi di collaborare con il sistema, o forse i Cohen volevano in qualche modo sottolineare la colpevolezza della generazione Americana passata, che è di norma cresciuta in una ingenuità ed una accettazione passiva di ciò che accadeva loro attorno senza porsi troppe domande, lasciando che il mondo raggiungesse un livello di crudeltà al quale non erano preparati, e nel quale oramai sono estranei.

A presto, alcuni link utli su film da vedere on-line.

venerdì 1 maggio 2009

Meccanismo di creazione della moneta

Dal blog di Bacab potete vedere i video di youtube sulla trasmissione Rebus andata in onda di recente ed avente come tema il signoraggio bancario.

Per quanto possa piacervi o meno lo stile di condurre del presentatore Decollanz, è interessante sentire gli interventi degli ospiti che sono l'Avvocato Dalla Luna, il trader Benetazzo e lo studioso di economia monetaria Saba. Nella puntata si sollevano tematiche che ho già indagato da tempo e si presenta il documentario Genius Secoli, interessante.

In altre parole si mette a nudo il meccanismo di creazione della moneta, di moltiplicazione del credito, e si evidenzia il problema della sovranità monetaria, oramai abbandonata per fare posto alle idee di globalizzazione.

Nello specifico, la trasmissione televisiva, critica fortemente il regime capitalistico nel quale viviamo e questa economia del debito.
In questa economia, gli stati come l'Italia, non sono più detentori della sovranità monetaria, come la nostra costituzione peraltro imporrebbe, ma sono obbligati ad indebitarsi con le banche centrali, organismi formati da privati, che prestano loro il denaro richiedendo un interesse. Per questo motivo in sostanza, si crea il debito pubblico.
Ora, il problema è che in questo modo il debito non può fare altro che aumentare e gli stati perdere il potere economico a vantaggio delle istituzioni bancarie o dei grandi gruppi di potere multinazionali che si sono creati e le leggi statali o la democrazia, perdono progressivamente di potere.
Tradotto, in un regime capitalistico come questo la piena democrazia non è possibile e gli stati valgono progressivamente sempre di meno.

Dopo è inutile fare alcune disquisizioni come quelle di Saba che secondo me, spara frasi ad effetto tanto per fare. Se accetti questo sistema non ha senso fare paragoni con quello che potrebbe succedere se non ci fosse il signoraggio in Italia, perché è tutto collegato.
La frase secondo la quale, senza signoraggio ogni cittadino italiano avrebbe avuto a disposizione 100.000 Euro a testa è pura demagogia e non corrisponde al vero, anche perché l'Euro è supportato da questo tipo di economia.