martedì 22 ottobre 2013

Ad onor del vero



Penso che tra un pò smetterò di scrivere qua.
Davvero ho visto persone in grado di materializzare oggetti secondo il pensiero. Probabilmente mi era successo altre volte, soltanto che la mia parte razionale non lo accettava e non lo percepiva.
Davvero ho avuto qualche visione del futuro. Davvero ho visto altre persone in grado di creare illusioni che sono più di trucchi, sono davvero false percezioni.
Credo che le prime persone grazie ad una coscienza molto grande possano compiere quello che un tempo venivano chiamati miracoli, non so se vi è un aiuto tecnologico, mentre credo che le seconde persone siano davvero in grado di creare illusioni. Agiscono entrambi su frequenze molecolari diverse, credo che le seconde persone spesse volte si ingannano anche loro stessi, così passano spesso per ciarlatani ma in realtà tra i vari trucchi, davvero hanno compiuto cose sensazionali è che per fare quelle cose debbono mentire molto. Parlo di prime e seconde persone perchè così le ho suddivise mentalmente, ma può darsi esistano diverse sfumature intermedie.
Io tanti concetti davvero li ho capiti grazie alla Bibbia. Cercare la verità e l'amore aiuta. Perdonare davvero è divino.
Ora che si è maturata la consapevolezza che la civiltà contemporanea è piena di inganni e se è più evoluta per certi versi, lo è molto meno per altri , si rimetteranno in discussione tanti concetti. Io spero solo non sprofondi in disperazione, cattiveria, e dolore.

Morale di ciò, non è vero che il male non esiste, il male esiste ed è avvertibile e forse è in tutti gli uomini in misure diverse. A volte credo che sia inevitabile avvicinarsi, ma non farlo, per crescere.
Non bisogna mai avere paura, perchè il mondo è fantastico. Buona vita a tutti e cercate di pensare al creato e con la vostra testa e col cuore che è molto difficile!

P.S. Per quanto  riguarda il mio ruolo di scrittore "blogger" e tanti argomenti trattati al passato, mi sento simile al blog di Freenfo che trattava gli argomenti più scottanti e poi si mise a parlare di spiritualità e di coscienza, dapprima pensai che gli avessero fuso il cervello, ma forse è quella la direzione giusta per cambiare le cose; ora vedo che si è messo a riscrivere di  politica, gli auguro di portare la sua spiritualità tra la gente.

lunedì 7 ottobre 2013

tempo e volontà

Prendiamo una persona media nata in Occidente nel XX secolo.
Prendiamo che in un giorno scavi con il solo ausilio del badile una buca di un metro cubo. Se il terreno non è particolarmente duro, magari bagnando con un poco d'acqua del rubinetto in aiuto, in qualche ora è in grado di scavare un metro cubo di terra. Poniamo che ripeta il lavoro per tanti giorni, considerando che dapprima ci sarà un calo di prestazioni dovuto all'affaticamento iniziale e poi un recupero dovuto all'esperienza, quindi teniamo in considerazione che lavorando qualche ora al giorno riesca a scavare all'incirca un metro cubo di terra.
Dopo 8 giorni avrà scavato 2 metri cubi. A questo punto dovrà utilizzare una carrucola e l'ausilio di una persona per togliere la terra scavata, ma la media rimarrà invariata, ovvero dopo 27 giorni 3 metri cubi, dopo 64 giorni 4 metri cubi, dopo 125 giorni 5 metri cubi, dopo 216 giorni 6 metri cubi, dopo 343 giorni, quasi un anno, 7 metri cubi, quindi 512 giorni per 8, 729 per 9, 1000 per 10 metri cubi.
Giusto? No. Sbagliato. Il calcolo che ho fatto io era quello per calcolare un cubo di di 2 metri di lato (4 metri cubi), di 3 metri di lato (27 metri cubi), di quattro metri di lato (64 metri cubi), di cinque metri di lato (125 metri cubi), di sei metri di lato (216  metri cubi), di sette metri di lato (343 metri cubi), di otto metri di lato (729  metri cubi), di nove metri di lato (729 metri cubi), e di 10 metri di lato 1000 metri cubi. La mia non è una provocazione è che mi sono sbagliato anche io, ed ho mantenuto l'errore affinchè qualcun altro capisca.
Ora, andando avanti così avremo che dopo 3375 giorni di lavoro avrà scavato un buco di 15 metri di lato: il che come cubatura corrisponde ad un condominio di nove appartamentini o ad una villona signorile di un tempo o tradotto in parallelepipedo, in più di una piscina olimpionica.
Ecco questo spazio sarebbe sottoterra.
Scavando, solo con un badile con un aiuto che gli solleva la terra e la butta in un mucchio.
Quindi lavorando in due.
E questo si potrebbe fare lavorando per qualche ora al giorno, in undici anni e tre mesi. Richiederebbe una  costanza tale da lavorare tutti i giorni tranne la Domenica meno una dozzina di giorni sparsi per l'anno, ma quasi chiunque lo potrebbe fare.
Un buco che contenga interamente un Boeing 747 dovrebbe essere di più di 88380 metri cubi. questo significa che una persona per fare un buco del genere dovrebbe scavare per 294 anni e mezzo.
Ma se a scavare fossero in una trentina basterebbe un anno di tempo. Mentre un centinaio di persone potrebbe riuscirci in una stagione.
Naturalmente con le macchine movimento terra questi calcoli sono fortunatamente inutili. Però credo che senza l'ausilio di molti macchinari la forza lavoro manuale di una cittadina di provincia dell'orine di sei o settemila abitanti potrebbe ricostruire la propria città partendo dalle fondamenta, nel giro di pochi anni. E' la volontà che manca, il tempo forse no.
Ma se con la forza lavoro di un tempo si costruivano le piramidi. Con la forza lavoro di una nazione intera, per quanto orientata alla pace e finalmente ad aprirsi al mondo intero, cosa si potrebbe costruire?





 

venerdì 4 ottobre 2013

Realtà e pensieri




Ora davvero sono convinto che la realtà superi la fantasia. Il fatto è che ciò è vero su tanti livelli quindi per taluni io potrei scrivere così perchè sono un credulone. Ma in piena onestà penso di esserlo meno di quello che può sembrare a molti, e che scherzi a parte, la realtà supera di gran lunga la fantasia.
Così un anima viva si trova spesso travolta da fortissime volontà, buone o cattive esse siano, e talvolta aiutata dall'alto può riuscire incredibilmente ad imporsi su tutte mentre altre volte deve acconsentire, subire, o ancora viene esclusa, bypassata. Una mente strategica può elaborare situazioni molto velocemente, ma chiudersi in se stessi rifiutando ogni volontà esterna non può essere la giusta soluzione. Almeno non in maniera definitiva penso io, io credo che significhi reprimere la vitalità. Forse ha senso in determinati periodi della vita. Le parole sempre si stampano sulla mente di qualcuno, a volte ce le stampa una volontà umana con o senza ausili, altre volte una più eterea, negativa o positiva, altre volte, credo una divina,
In aggiunta a ciò si è rinchiusi in schemi mentali costruiti ad arte che impediscono di cogliere la realtà ed allora finisce che davvero diveniamo più esseri pensati da altri che esseri pensanti. A volte rompere gli schemi per qualcuno significa follia, per altri è un barlume di luce.
La realtà va svelata, anche se non sempre è facile pronunciare parole di verità, l'amore per il principio creatore e per il creato va perseguito; altri concetti importanti sono certo reperibili in testi come i Vangeli ed altri testi religiosi o scritti ad onor del vero e della vita.
Tanto che ho scritto in passato su questo blog perde di significato quando si assume un punto di vista differente; tengo a precisare però che non ho mai scritto nulla per ingannare o che non pensassi o perchè me lo abbia detto di scrivere qualcun altro, su quest'ultimo punto, date le ultime scoperte posso almeno dire non in maniera diretta o conscia, ma per la maggior parte delle volte ho cercato di meditare su ciò che scrivevo.