venerdì 26 settembre 2008

4 soldi 40 anni fa

Mannaggia, nell'ultimo post ho scritto 4 ruote 40 anni fa come titolo del post, in realtà come si poteva dedurre dalla data erano 50 gli anni passati (o meglio 51).
Certo che nessuno che nei commenti l'abbia fatto notare, dovrebbe fare suonare un campanello d'allarme no?

Detto questo; tra lo scatolone di giornali vecchi ho recuperato un altra rivista interessante si chiama "QUATTROSOLDI: guadagnare, risparmiare di più, spendere meglio"
Questa che ho in mano è il numero 4, dell'anno III, datata Aprile 1963, costa sempre 300 Lire e sono passati oramai 45 anni dalla sua pubblicazione (Questa volta davvero).
Titolare dei diritti era la DOMUS di Milano, mentre fu stampata, in 201.000 copie a Torino.

Alcune chicche:

"Lettera dei finanzieri che si lamentano perchè lo stato non gli compra le divise nuove"
Della serie: non vi lamentate se poi...

Pubblicità: Digestivo Antonetto, 400 Lire per tanto benessere " L'uomo moderno non può permettersi di stare male. Il digestivo Antonetto agisce in un minuto, porta sollievo allo stomaco e lascia la bocca buona."

"Se stai male la prossima volta non guardare meglio a cosa mangi, ma prendi il digestivo"

Articoletto:
"Quanto costò l'intervento Italiano nella guerra civile in Spagna."
In un libro sulla guerra di Spagna ("La rivoluzione e la Guerra di Spagna") di Pierre Brouè ed Emile Tèmime pubblicato il mese scorso nella versione Italiana dell'editore Sugar, viene finalmente rivelato quanto cosò all'Italia l'aiuto fornito al Generale Franco. Quest'aiuto senza contare gli uomini e i relativi equipaggiamenti, consistette in quasi 2000 cannoni, 950 carri armati e più di 10000armi automatiche. Il 17 Gennaio 1937 l'ambasciatore tedesco von Faupel segnalava al suo governo la presenza di due batterie di artiglieria a di ben 1800 camion Italiani intorno a Siviglia.
Nel Dicembre dello stesso anno, Mussolini fece una confidenza a Goering: fino ad allora, disse, la guerra di Spagna gli era costata già 4 miliardi e mezzo di Lire. Questa cifra, alla fine del conflitto, divenne più di tre volte tanto: circa 14 miliardi. Traducendo questi 14 miliardi nel valore attuale della Lira, si può tranquillamente affermare che la guerra di Spagna costò all'Italia 1050 miliardi di Lire oggi. I tedeschi spesero molto meno, anzi ci guadagnarono mediante la fornitura di materie prime, manufatti e semimanufatti, ecc.. Anche i Russi furono più furbi, perché si fecero pagare almeno in parte con l'oro della Banca di Spagna, che venne spedito a Odessa.

Ora, la guerra in Spagna fu un massacro, Orwell, in omaggio alla Catalogna, testimoniò come le cose non fossero chiare, come le fazioni di sinistra fossero quasi più ostili tra di loro e con gli anarchici che con i franchisti e come l' esercito dove militava fosse molto disorganizzato. Non fu mai troppo chiara la situazione, i tedeschi in pratica andarono là per sperimentare le armi che avrebbero usato poco più tardi come ad esempio fecero su Guernica, i Francesi e poi i Russi diedero qualche aiuto, che in definitiva servì solo a fare durare la guerra di più perchè poi persero interesse per la questione (anche perché il massacro era arrivato a livelli epici) e si ritirarono, mentre gli Italiani persero un sacco di risorse e basta. Se Franco fosse entrato in guerra con l'Italia e la Germania, sicuramente sarebbe stato più duro il lavoro degli Americani, ad ogni modo non state tanto a scervellarvi perchè tanto i giochi venivano comandati da altri in separata sede e non tanto sui campi di battaglia.
P.S. 14 miliardi di lire del 1937 sarebbero adesso oltre 23 mila miliardi secondo l'IStat ovvero oltre 11 miliardi di euro. Per farvi capire una cosa semplice, essi sono circa un quarto di tutte le riserve auree dell'Italia detenute da Bankitalia, che comunque non coprirebbero gli interessi da pagare in un anno sul debito pubblico (possieduto in maggioranza dalle banche)!!!


"I soldati americani non bevono il nostro latte ma quello Austriaco: IL LATTE PERICOLOSO"

Come? Già era stata emanata una legge che prevedeva la pastorizzazione di tutto il latte dal 1929, facendo in modo che perdesse buona parte delle sue qualità nutritive, apposta perchè non potesse esserci il bacillo della tubercolosi...

Ricerca utile sulle conserve di pomodoro ed i concentrati, mette in evidenza:
Ph, % di umidità, Residuo secco genuino (a vuoto - 70 gradi), Cloruro di sodio aggiunto, Residuo secco refrattometrico a 20 gradi, zuccheri riduttori totali, acidità (in acido citrico H2o), Acidità volatile (acido acetico), Azoto totale e azoto aminico, sostanze insolubili, Quoziente di purezza, rapporto acidità residuo secco, rapporto zuccheri acidità, rapporto tra insolubili e residuo secco, lunghezza d'onda del colore e luminosità.

Ricerca molto interessante, se non che spinge a credere che la maturazione sia negativa. Sarebbe interessante se si rifacesse una ricerca del genere ora, pensate che giusto ieri il telegiornale proclamava che esistono centinaia di migliaia di passate e pelati IMPORTATI DALLA CINA, portati in Italia dove ci mettono l'etichetta e venduti come pomodori ITALIANI. Ora, come vi sentite? Anche se questa cosa dovesse essere risolta non vi sembra una presa in giro intollerabile? A cosa servono quelle cazzo di etichette se poi basta una filiale di facciata nel nostro paese per mettere il bollino MADE IN ITALY?

2 commenti:

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Ehm...io me ne ero accorto e l'ho anche scritto ma pensavo fosse un errore di battitura e non volessi giocare sul titolo 4 e 40.....

sui pelati... no comment, e questa è solo la punta di un iceberg difficilissimo da scalfire.

Sono post che ci parlano del passato per capire il presente. Sono al riguardo, molto utili per vedere come poi molte cose non siano neanche state prese in considerazione.

Arthur ha detto...

Daniele, era un errore involontario, volevo giocare sul titolo ma ho sbagliato a fare i calcoli (mi avrà tratto in inganno il fatto che credevo la nuova 500 un pò più giovane).
I pelati sono una bella fregatura... spero che almeno facciano i controlli di dovere.

Per quanto riguardo il calcolo della guerra in Spagna, sarebbe addirittura molto meno poichè se l'avessi calcolato in modo corretto, ovvero quando la guerra era finita, dopo che gli Americani erano arrivati con le AM Lire e c'era stato l'accordo di Bretton Woods, la rivalutazione sarebbe stata molto più bassa.