martedì 25 settembre 2012

Geoingengneria ed articoli del Guardian

La geoingegneria è una scienza che studia come modificare il pianeta su larga scala in diversi modi.
Gli scienziati già dalla metà del secolo scorso hanno sviluppato tecniche per la modificazione climatica; vista l'incertezza di allora negli effetti della manipolazione climatica si arrivò negli anni settanta a produrre un trattato internazionale che impediva l'uso di questi sistemi da parte delle nazioni firmatarie.
Tali tecniche ed altre non ebbero grande risonanza nei mezzi di informazione di massa.
L'uso di sistemi su larga scala per influenzare il clima e l'atmosfera del pianeta sono stati teorizzati più volte, e secondo altre pubblicazioni sono già stati sperimentati assieme ad altri test quali l'uso di bacilli sulla popolazione.
Un articolo di Rosario Marcianò riportava che Edward Teller, famoso scienziato, teorizzò di irrorare l'atmosfera con dei Boeing che avrebbero rilasciato particelle d'oro per aumentare l'albedo terrestre (effetto di riflessione della luce da parte della superficie terrestre). Un articolo di Maurizio Blondet, riportava che Crutzen, premio Nobel, intedeva raffreddare il pianeta con lo zolfo.
In effetti, non molto dissimile era una delle teorie presentate a Copenaghen quando ci fu il meeting sul clima: il protocollo conteneva tra le varie soluzioni per diminuire l'effetto serra il cospargimento da parte di aerei di sostanze riflettenti oppure l'immagazzinamento della CO2 a scopo energetico, così si toglieva anidride carbonica dall'aria e la si trasformava in combustile. Il protocollo di Copenaghen si preoccupava di pensare a come si sarebbe potuto portare le persone ad accettare questa idea di spargere roba con gli aerei su tutto il mondo e ad abituarvisi.

In Italia non c'è un giornale a tiratura nazionale con ampia diffusione che abbia trattato il concetto in maniera diretta, se non negli ultimi tempi. Fino a qualche anno fa chi tra le persone normali, guardava per aria le scie degli aerei era semplicemente un complottista.
Il concetto è semplice, adesso si è giunti ad un controllo sufficiente sulla popolazione, da potere dire anche queste cose che in passato erano state minimizzate o screditate, soprattutto a chi reagiva con astio, che veniva in qualche modo convinto a rivedere le proprie opinioni.

Il Guardian, non so perchè ha fatto eccezione a molti giornali, evidentemente nella democrazia ci credono più di me, e forse sono riusciti a raggiungere più verità in questo modo di me. Oppure il fatto è che vicino al Guardian ci stanno persone che conoscono chi ha dei sensi di colpa per ciò che è stato fatto passare di nascosto.

Comunque:
Il primo articolo che riguarda la moficiazione climatica è del 2002.

A sto punto lo traduco io (che non sono un traduttore) perchè non trovo più la traduzione dal sito Scienzamarcia dove lo avevo trovato la prima volta:

Milioni soggetti a test di guerra con i germi

Antony Barnett

Il Ministero della difesa ha trasformato larga parte del paese in un laboratorio gigante per condurre diverse serie di test bellici segreti, utilizzando germi sulla popolazione.
Un dossier del governo appena reso noto, ci offre per la prima volta una storia più comprensiva di quella che fu la storia dello sviluppo di armi biologiche in Inghilterra tra il 1940 ed il 1979.
Molti di questi test portati avanti, consistevano nel rilasciare sostanze chimiche potenzialmente pericolose e micro-organismi, sopra gruppi della popolazione senza che ad essi fosse detto alcunchè.
Mentre dettagli di alcuni programmi segreti sono emersi nei recenti anni, il report di 60 pagine, rivela nuove informazioni riguardanti più di 100 esperimenti mantenuti segreti.
Il report rivela altresì che il personale militare fì istruito in modo da rispondere ad ogni eventuale "inquisitore" che queste prove riguardavano ricerche sul clima e sull'inquinamento dell'aria.
I test, sviluppati dagli scienziati del governo a Porton Down, erano studiati per aiutare il Mod ( che penso sia l'acronimo del Ministero della difesa) per valutare la vulnerabilità del paese, nel caso in cui i Russi avessero rilasciato nubi di germi mortali sopra la popolazione.
Nel più dei casi, non furono usate armi biologiche, ma surrogati che gli scienziati credevano per lo più adatti a simulare i germi usati per scopi bellici, e che essi dichiararono essere innocui. Ad ogni modo, le famiglie residenti nelle zone interessate, che hanno figli nati con problemi di salute, stanno richiedendo una pubblica inchiesta.
Un capitolo del report : "Prove con particolato fluorescente" rivela che tra il 1955 ed il 1963, aeroplani che volavano dal Nord-Est dell'Inghilterra fino alla punta della Cornovaglia, lungo le coste Sud ed Ovest, rilasciavano enormi quantità di solfuro di Zinco-Cadmio, sulla popolazione.
I composti chimici si spargevano per miglia nell'entroterra, la fluorescenza permetteva di monitorarne la diffusione.
In un altra prova usando solfuro di Zinco - Cadmio, un generatore fu trainato lungo una strada vicino a Frome nel Sumerset, dove buttò fuori composti chimici per un ora.
Mentre il governo insisteva che il composto chimico era innocuo, il Cadmio è riconosciuto come una potenziale causa del tumore ai polmoni, e durante la seconda guerra mondiale, venne considerata arma chimica dalle forze Alleate.
In un altro capitolo " Large areal coverage trials" (prove di copertura su vasta area), il MoD descrive come tra il 1961 ed il 1968, più di un milione di persone lungo la cosa Sud dell'Inghilterra, da Torquay alla New Forest, furono esposte a batteri, inclusi l'e.coli  ed il bacillo globigii, che simulano l'antrace. Questi microorganismi venivano rilasciati da una nave militare, la Icewhale, salpata dalla costa della contea di Dorset, che li spruzzava in un raggio tra le cinque e le dieci miglia.
Il report rivela anche dettagli delle prove DICE, a Sud del Dorset tra il 1971 ed il 1975. Queste prove vedevano impiegati scienziati militari degli Stati Uniti e del Regno Unito, che spruzzavano nell'aria massiccie quantità del batterio serrata marcescens, con un prodotto che simulava l'antrace ed un fenolo.
Simili batteri vennero rilasciati nelle "The sabotage trials" (le prove sabotaggio) tra il 1952 ed il 1964. Queste erano prove per determinare la vulnerabilità di grandi edifici governativi e trasporti pubblici ad eventuali attacchi.
Nel 1956, ad ora di pranzo, batteri vennero rilasciati lungo la linea nord (northern line) della metropolitana di Londra tra Colliers Wood e Tooting Broadway. I risultati mostrarono che gli organismi si disperdevano per dieci miglia. Test similari vennero condotti in tunnel che corrono sotto edifici governativi nella zona di Whitehall.
Esperimenti condotti tra il 1964 ed il 1973 furono portati avanti facendo attecchire dei germi a fili di ragnatela messi dentro a delle scatole, per testare come i germi potevano sopravvivere in diverse condizioni ambientali. Questi test furono disseminati in una dozzina di posti lungo il paese, inclusi  London's West End, Southampton and Swindon. Il report richiama anche a dettagli riguardanti più di una dozzina di piccoli campi prova tra il 1968 ed il 1977.
In anni recenti il MoD ha incaricato due scienziati di controllare quanto furono sicuri quei test. Entrambi hanno concluso che non vi furono rischi, sebbene uno dei due suggerisse che le persone più anziane o quelli che soffrivano di malattie respiratorie potrebbero avere avuto seri danni alla salute se inalarono quantitativi sufficienti di micro-organismi.
Comunque sia, alcune famiglie residenti nelle aree oggetto dei test segreti, sono convinte che i test abbiano portato i loro figli a soffrire di disturbi neonatali, handicap fisici e difficoltà di apprendimento.
David Orman, un ufficiale militare di Bournemouth, sta richiedendo una inchiesta pubblica. Sua moglie Janette, è nata nel West Luworth nel Dorset, vicino a dove molte prove furono eseguite. Ha avuto un aborto spontaneo, poi diede alla luce un bambino con paralisi cerebrale. Le tre sorelle di Janette nacquero nello stesso villaggio dove furono realizzati i test, ed hanno dato alla luce bambini con problemi inspiegabili, lo stesso accadde anche ad altri loro vicini.
L'autorità sanitaria locale ha negato che ci sia un collegamento, ma Orman la pensa diversamente; dice: "Il villaggio era una comunità davvero affiatata, ed avere così tanti bambini con problemi alla nascita, in un lasso di tempo così breve, mi pare più che una coincidenza."
Governi successivi hanno tentato di ottenere dettagli sulle prove belliche operate con i germi. Mentre alcuni report contenenti alcuni test di prova sono emersi attraverso il Public Records Office, questo ultimo documento del MoD, che è stato rilasciato al liberal democratico membro del parlamento, Norman Baker, offre di nuovo una più ampia versione ufficiale delle prove belliche con l'utilizzo di materiale biologico.
Baker dice : "Colgo positivamente il fatto che il governo abbia deciso di resndere note queste informazioni, ma mi chiedo come mai ci sia voluto tanto tempo" E' inaccettabile che il pubblico venne trattato come maiali della Giunea a sua insaputa, e voglio essere sicuro che le dichiarazioni del Ministero della difesa in merito alla sicurezza di questi test, con batteri e materiale chimico, siano vere"
Il report del ministero della difesa, traccia una storia del programma di ricerca sui germi a scopo bellico, presente fin dai tempi della seconda guerra mondiale, quando Porton Down produsse cinque milioni di razioni di cibo per maiali riempiti con spore della mortale antrace, che dovevano essere lanciati in Germania, allo scopo di uccidere i loro allevamenti.
Il report rivela anche dettagli sull'infame esperimento operato a Gruinard, nella costa scozzese, che ha lasciato l'isola talmente contaminata da impedire che fosse abitata fino ai tardi anni '80.
Il report conferma anche test con l'utilizzo di antrace ed altri germi mortali, a bordo di navi dei Caraibi e a largo della costa Scozzese negli anni '50. Il documento riporta: "L'approvazione tacita delle prove di simulazione dove il pubblico poteva essere esposto, era fortemente influenzata dalle considerazioni della difesa per la sicurezza, che miravano ovviamente a ridurre la consapevolezza del pubblico sulla questione. Un importante corollario in merito a ciò era considerato il bisogno di evitare che il pubblico si allarmasse o diventasse irrequieto a riguardo di una possibile vulnerabilità ad attacchi biologici sulla popolazione."
Sue allison, la portavoce per Porton Down, dice: "Studi indipendenti prodotti da eminenti scienziati hanno evidenziato che non c'era pericolo per la salute pubblica da questi rilasci, che furono attuati per proteggere la popolazione. I risultati di queste prove salveranno vite, se il paese e le nostre forze dovessero fronteggiare attacchi operati con armi chimiche o biologiche"
Una volta chiestole se questi esperimenti siano ancora portati avanti, lei ha risposto "Non è una nostra politica quella di discutere sulle ricerche in corso".


Il secondo articolo parla dell'attuale geoingegneria

In guerra, sulla geoingegneria

Pochi nel settore civile comprendono pienamente che la geoingegneria sia una scienza primariamente militare, e che non abbia a che fare nè con il raffreddamento del pianeta, nè con la riduzione delle emissioni di gas come l'anidride carbonica.
Potrebbe sembrare fantastico ma il clima è stato reso un arma. Almeno quattro nazioni - Stati Uniti, Russia, Cina ed Israele - possiedono la tecnologia e l'organizzazione per alterare regolarmente il clima e gli eventi geologici, per varie operazioni militari e non ufficiali, comprese la demografia e la gestione di risorse energetiche ed agricole.
In verità le risorse di guerra, ora includono anche la capacità di indurre, aumentare o dirigere cicloni, terremoti, siccità ed inondazioni, includendo l'uso di agenti virali polimerizzati e sparsi con aerosol immessi attraverso sistemi metereologici globali.
Vari temi che sono di pubblico dibattito, incluso il surriscaldamento globale, sono stati sfortunatamente sovrapposti ad obbiettivi più larghi di natura militare e commerciale, che non hanno nulla a che fare con le preoccupazioni ambientali diffuse tra il pubblico.  Queste includono in graduale riscaldamento delle regioni polari per facilitare la navigazione navale e l'estrazione di risorse.
Matt Anderson
Ex consigliere esecutivo -  Aerospazio e difesa - Booz Allen Hamilton Chicago.

Richard Mountford (lettera, 8 Febbraio*) dice che l'investimento sulla geoingegneria è necessario perchè "l'elettorato non supporta cambiamenti radicali al suo tenore di vita...richiesti per un significativo taglio delle emissioni". Ha una idea, ma io ritengo che il tenore di vita cambi, suggerito da come dice, il report Britannico del Centro per le tecnologie alternative a zero carbone, in maniera considerabilmente più blanda rispetto a quella che numerosi politici stanno imponendo al loro elettorato; come ad esempio rimuovere i trasporti pubblici dalle aree rurali, od obbligare i giovani a lavorare senza essere pagati. I politici sembrano non avere problemi ad imporre misure draconiane quando combaciano con i loro ideali o quando possono essere giustificate per cause di forza maggiore.
Non riesco a vedere alcuna maniera di fronteggiare ciò, fino a quando non miglioriamo la qualità della nostra democrazia; potrebbe però quest'ultimo punto essere fronteggiato, stabilendo un "Fondo monetario internazionale Verde" che dovrebbe imporre diverse condizioni ai suoi prestiti, come per esempio sviluppo di pubblici servizi (inclusi trasporti pubblici) ed un sistema di moderazione della spesa di beni dei consumatori.
Simon Norton
Cambridge

*La lettera di Richard Fourmont criticava gli ambientalisti che si opponevano alla Geoingegneria perchè diceva, i tentativi per diminuire le emissioni di gas serra e per evitare la deforestazione erano già stati fatti, ma avevano fallito.


Personalmente credo che sia necessario una maggiore confidenza con l'elemento terra, e non ripiegare a troppa confidenza sugli elementi aria, fuoco ed acqua. Così se ti occupi di modificare il pianeta principlamente dall'alto e non dal basso, si creerano problemi di natura organica non indifferenti.
E comunque tutta questa segretezza non mi pare un bene e tutti questi scopi commerciali e militari fanno girare un pò i coglioni perchè uno deve vivere con meno visto che c'è il problema dei gas serra, mentre quelli che sono in mezzo a sti progetti ci stanno guadagando sopra.






0 commenti: