venerdì 22 agosto 2008

Su David Icke

Chissà David Icke come cavolo fa a sapere tutto ciò che sa.
Per chi non lo sapesse David Icke è un ex Giornalista sportivo che si è auto-eletto Guru e che gira il mondo tenendo conferenze su gli alti poteri internazionali e su tutta la verità non palesata.
Icke è un altro di quelli che vengono definiti complottisti, è a conoscenza di segreti di Stato Americani e non, ed ha teorie quantomeno curiose.
Non ho mai comperato un suo libro, mi sono limitato a guardare tre o quattro sue conferenze on-line e qualche Brano tratto dai suoi spettacoli, mi sento però abbastanza documentato per poter azzardare alcune ipotesi concrete come hanno fatto altri prima di me.

Innanzitutto se volete imparare qualcosa su questo personaggio prendetevi una mezza giornata libera di tempo e guardatevi alcuni dei video su di lui. Penso che ne valga la pena.

Se guardate questo video capirete da dove inizia l'incazzatura di Icke con il mondo. Nel 1991, Icke fece un intervista dove diceva di sentirsi figlio di Dio e che il mondo era malato e stava per crearsi un gran casino. Ovviamente alla fine del Ventesimo secolo, quando stava per partire l'entusiastico e concreto progetto di globalizzazione e tutti in America ed in occidente erano entusiasti per come andavano le cose, una frase del genere era del tutto fuori luogo, così il presentatore lo ridicolizzò davanti a tutti, dicendo che la gente a casa rideva di lui. Questa esperienza, per sua stessa ammissione, ha segnato profondamente Icke.

Icke ammette che dopo quell'intervista le persone per strada lo prendevano in giro e che si vergongava di uscire, così incominciò per lui un periodo di profonda introspezione ed analisi del mondo.
Icke cominciò a farsi delle domande. Molte domande.
Immagino si chiese da cosa venisse influenzata l'opinione della gente, cominciò a domandarsi come agiscono le persone, cominciò a chiedersi cosa motiva le persone, ad analizzare chi a questo mondo detiene grosso potere decisionale su tali persone e su chi detiene il potere economico.
Evidentemente arrivò a capire cose che nessuno gli aveva mai detto in faccia, a scuola, a lavoro eccetera; cose come chi controlla il flusso di moneta, la vera vita dei presidenti degli Stati Uniti, arrivò a mettere in discussione tutto quanto gli avevano detto ed analizzare i fatti sotto altri occhi.
E così si torna al video che ho linkato precedentemente, David Icke che parla di una realtà nascosta e di un "movie" girato ed interpretato dai capi di stato del mondo che sarebbe prodotto per l'opinione pubblica, dove per opinione pubblica si intende l'intera popolazione del pianeta togliendo qualche centinaio di persone.
Icke condanna l'ipocrisia dei paesi civilizzati "esportatori di democrazia" dove i diritti umani sono tutelati ma in realtà soltanto fino ad un certo punto.
Icke probabilmente al tempo, si sarà chiesto: "Ma se i Presidenti degli stati uniti come Reagan, erano in realtà gente di facciata, pigra, che si faceva scrivere i discorsi e nemmeno troppo intelligente, allora chi è che tiene in piedi la baracca dello Zio Sam?"
Si sarà inoltre scontrato contro certi "segreti di stato" che ha in parte rivelato.
Sullo strapotere economico di alcuni banchieri che agiscono spesso aldilà del bene delle nazioni, e che possono decidere di fare il bello ed il cattivo tempo nei confronti di milioni di persone da un giorno all'altro, avrà potuto trovare materiale da Ezra Pound ed Eustache Mullins.
Mi chiedo però come faccia ad avere informazioni così dettagliate su alcune vicende storiche, pare che conosca anche la verità sulle stragi avvenute in Italia o sull'omicidio di Moro, dove parla di una implicazione di Kissinger, parla di "amico" che lavora al Fondo Monetario Internazionale, e che avrebbe lui confessato di essere stato messo lì dall'ordine dei Cavalieri di Malta.

Facendo un breve riassunto, Icke:

1 Parla di una cospirazione mondiale finalizzata al controllo totale del mondo di un unica superpotenza mondiale a qualsiasi costo
2 Parla di guerre e di attentati preorganizzati (avrebbe predetto diversi mesi prima anche l'attentato dell 11 Settembre 2001 ed altri attentati), in modo da far cadere le persone sempre più nella paura e nella dipendenza da questi grandi centri di potere che arriveranno ad avere dominio inconfutabile su ogni abitante della terra.
Entro il 2012 secondo Icke si arriverà ad una svolta cruciale e ci sarà un ulteriore guerra organizzata.
3 Parla di Stirpe reale Rettiliana, che dominerebbe il mondo da millenni, egli stesso dice di non aver capito se questi Rettiliani abbiano un anima rettile oppure se si possano realmente trasformare in Rettili e mutare di sembianza, come sarebbe scritto in alcuni testi antichi.
4 Parla Di Religioni come di un ulteriore controllo delle masse, soprattutto per quanto riguarda la Cristianità, che sarebbe in realtà a suo dire, il semplice culto del Sole.
5 Parla di sette segrete connesse alla massoneria ed ai capi di stato, sostiene che probabilmente Bush ed altri presidenti sono soliti compiere riti satanici.
6 Parla di due enormi continenti sommersi, che avrebbero permesso l'attraversamento degli oceani, di evolute civiltà antiche che avrebbero ancora ai giorni nostri superstiti che farebbero parte dell'elite dominante sopracitata, elite che ha influenzato il corso della storia e che evidentemente ha molto a che fare con il popolo di Israele.

Ora, sapendo che Icke da più di dieci anni ha raccolto numerosi consensi in tutto il mondo, fondato gruppi di fan attivi, scritto diversi libri, e suscitato una reazione dei media alquanto curiosa, sarebbe utile cercare di fare il punto della situazione:

- Icke è uno al quale non va bene la società per come è; ce ne sono tanti, lui però ha avuto i mezzi per capire chi ha più potere contrattuale a questo mondo.
- Icke ha spiegato alcuni meccanismi dell'economia attuale dicendo alcune oggettive verità, così come ha parlato di interessi economici importanti ed utili a capire il mondo, ha anche rivelato notizie reali che hanno stupito in molti.
- Icke ha messo in discussione tutto, ma mi pare abbia azzardato ipotesi senza portare alcuna prova: I continenti sommersi, i rettiliani, sono teorie prive di fondamento. A volte verrebbe anche da chiedersi se egli stia agendo in buona fede o se stia portando confusione appositamente tra la gente.

Per ulteriori informazioni vi rimando al sito ufficiale e ad articoli di disinformazione.it:

Intervista a David Icke

Articolo del Prof. Paolo De Bernardi che critica Icke, poichè pensa che in realtà Icke sia in malafede e voglia mischiare la verità con paranoie da ricovero.

22 commenti:

Arthur ha detto...

ho tolto "usum ignorantis" perchè era proprio sbagliato

L ha detto...

Chiedo scusa se posto qui, ma non saprei come fare. Sono tornato da poco, sono ancora in configurazione minima, ma ti ringrazio per i commenti. Ben tornato anche a te, e a presto.

Ciao,
L.

Arthur ha detto...

Ciao L!!!

Cervo ha detto...

Ma secondo te quando Antonella Randazzo dice che è sbagliato criticare quelli che parlano di verità scomode, si riferisce anche a Icke ed ai Rettiliani?

Non è anche quella una verità scomoda? Non è contro il sistema?

Tu ci credi a quello che è scritto qui?

http://www.mednat.org/finanza/banca_italia.htm

Oppure qui?

http://www.tankerenemy.com/

E' possibile che basta che uno parli di uno di quegli argomenti (scie chimiche, signoraggio, etc...) e, comunque ne parli e qualunque cosa dica, sia meglio di chi non ne parla?

Ciao!

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Complimenti. Una analisi lucida e perfetta. Sposo ogni passaggio del tuo post.

Arthur ha detto...

Cervo, non so cosa pensi di Icke Antonella Randazzo, probabilmente si preoccupa di analizzare la verità senza porsi il problema del fatto che esista o meno una razza rettiliana.
Cosa penso io di Icke tu l'hai capito, posso aggiungere che forse si è confuso tra un atteggiamento del caratttere umano (l'avidità) con una caratteristica dei rettili.
Detto questo, se è vero che adesso mischiano il DNA delle trote con quello delle patate, non è al 100% escludibile dire che siano potuti esistere nella storia della terra uomini dal Dna ibrido con somiglianze a quello dei lupi o dei rettili, ma questo è tutto da dimostrare.

Sul primo link, ho dato un occhiata veloce e mi pare ci siano scritte cose vere. Il punto è avere una visione omnicomprensiva del problema, ti rimando agli ultimi articoli che ho scritto sul signoraggio (cerca nella barra in alto a destra), oppure chiedimi qualcosa direttamente.

Anche sulle scie chimiche ho parlato in altri post. Blondet dice che esistono questi esperimenti ma che in realtà sono per il bene del pianeta e non per inoculare virus o roba simile. Comunque se ti interessa, mia nonna quando era in campagna, diceva che capitava quando passavano alcuni aerei che i campi si riempissero di parassiti, li trovarono anche tra le tegole del tetto!!!.

Spero di esserti stato utile.

Ciao

Arthur ha detto...

Grazie Daniele

Cervo ha detto...

Una domanda, essenziale, è questa: tu credi davvero che il signoraggio vada a finire nelle tasche delle banche private che detengono quasi tutto il capitale di Banca d'Italia, come sostiene quella pagina?

Arthur ha detto...

Ciao, non ho molto tempo per risponderti, mi dirai poi un altra volta se non sono stato chiaro.
Lo statuto della banca d'Italia prevedeva la possibilità di ripartire una percentuale ridotta dell'utile 4 o 6 % tra gli azionisti, anche se a dire il vero questa operazione almeno nel 2005 e nel 2006 non è stata fatta (non so nel 2004 perché nel sito della banca d'Italia non ne se ne parla e compare solo l'ultimo bilancio).
Io credo che le banche abbiano la possibilità di moltiplicare moneta e che le banche Italiane mediante i circuiti off-shore abbiano affari loschi e attinto in parte a denaro derivante da questo meccanismo.

Cervo ha detto...

Cerca di essere più preciso: "4 o 6 %" di cosa? In realtà è il 6-10% di qualcosa. Ma che cosa? E quanto è grande quel qualcosa?

Per capire quello che voglio dire ti chiedo di verificare e fare i conti. Così puoi confermare indipendentemente se ho ragione o meno.

"Io credo che le banche abbiano la possibilità di moltiplicare moneta"

Il meccanismo di riserva frazionaria non è un trucco (come non è un "trucco" il signoraggio). E' alla base del meccanismo per cui quando metti i soldi in banca ti pagano gli interessi (hai mai letto anche solo questo al paragrafo "History"?). E' mal regolato? Va riformato? Si può discutere di questo anche se la discussione è meno banale del livello a cui ragiona e scrive il Sig.Pascucci.

In ogni caso vedo che abbia a che fare con il fatto che una banconota da cento euro valga cento euro e fabbricarla costi pochi centesimi.
Cosa c'entra il meccanismo di riserva frazionaria con il signoraggio?

"e che le banche Italiane mediante i circuiti off-shore abbiano affari loschi e attinto in parte a denaro derivante da questo meccanismo."

Su cosa basi questi sospetti? Sul contenuto delle pagine come quella o quelle di Pascucci?

Se le banche hanno "affari loschi" non è il caso di indagare sugli affari loschi anzichè chiedere rimborsi di signoraggio come fa Giacinto Auriti?
E cosa hanno a che che fare gli affari loschi con il signoraggio e con la partecipazione di banche private al capitali di Banca d'Italia?

Come si fa a risolvere un qualcunque problema della società ragionando in questi termini?

Come fa una persona a citare questi siti come fonte di informazione quando non come sito di riferimento nei propri articoli?

Arthur ha detto...

Cerchiamo di ragionare. A domanda rispondo:

D) Cerca di essere più preciso: "4 o 6 %" di cosa? In realtà è il 6-10% di qualcosa. Ma che cosa? E quanto è grande quel qualcosa?

R) di utile della Banca d'Italia che si determina con la chiusura del bilancio annnuale.

D) Per capire quello che voglio dire ti chiedo di verificare e fare i conti. Così puoi confermare indipendentemente se ho ragione o meno.

R) I conti tornavano, fatta eccezione per il fatto che Banca d'Italia privata sia - Anticostituzionale - ed il fatto che l'elenco soci della Banca d'Italia non fossero nemmeno pubblico fino al 2005 deve cominciare a farti venire qualche dubbio sull'operato di questo ente, inoltre non torna il fatto delle banconote al passivo del quale parlerò dopo.

D) (hai mai letto anche solo questo al paragrafo "History"?). E' mal regolato? Va riformato? Si può discutere di questo anche se la discussione è meno banale del livello a cui ragiona e scrive il Sig.Pascucci.

R) Adesso l'ho letto. Non mi pare del tutto corretto, mi pareva fosse che i banchieri inizialmente prestavano i soldi in custodia anche senza dare l'interesse e non dicendo che li stavano reinvestendo.
Wikipedia non dice male, a parte il fatto che la FED sta cominciando a non comunincare più i valori di Massa monetaria allo Stato Americano come diceva Ron Paul e che l'esempio sulla riserva frazionaria è sbagliato poichè non è il 20% ma è il 2% e comunque lo stesso articolo ammette "In the real world, the money a bank lends may end up in the same bank so it then has more money to lend out."
Quindi quello riportato è solo un esempio per capire come avvengono i depositi ma non la realtà dei fatti.

D) Cosa c'entra il meccanismo di riserva frazionaria con il signoraggio?


R) Il meccanismo è importante perchè ti da un idea del flusso di denaro in circolazione e poichè mediante a questo, già nel medioevo i banchieri risucirono ad arricchirsi più degli Stati che li ospitavano, cosa che si è protratta nel tempo, passando per la creazione delle Banche di Emissione come la Banca d'Inghilterra fino ad arrivare alla FED ed ai giorni nostri.


D) Su cosa basi questi sospetti? Sul contenuto delle pagine come quella o quelle di Pascucci?

R) Secondo Euroschiavi di Miclavez e Della Luna, Bankitalia, mettendo le banconote al passivo, commette una frode miliardaria e riuscirebbe ad appropriarsi di questi soldi mediante il circuito Euroclear-Clearstream.
Io non lo so. Quello che so è che le banconote al passivo non mi paiono un criterio di contabilità logico, non essendoci più il controvalore aureo.
Inoltre ti consiglio un libro dell'ex Europarlamentare Pino Arlacchi, la mafia imprenditrice, specialmente la seconda parte per capire cosa intendo quando dico che le banche si affidano ai circuiti off-shore per ripulire soldi sporchi e che hanno giri loschi. Credi che ai giorni nostri le grandi associazioni mafiose, o i grandi dittatori non abbiano una banca che li affianchi e li aiuti a ripulire o a far viaggiare il denaro?

D) E cosa hanno a che che fare gli affari loschi con il signoraggio e con la partecipazione di banche private al capitali di Banca d'Italia?

R) I soldi poco puliti vengono fatti tutti passare mediante questi circuti off-shore come le Cayman e vengono ripuliti, per poi creare magari edge-funds, le maggiori banche italiane è risaputo abbiano da anni attività con questi paradisi fiscali, così come le grandi multinazionali.

D) Se le banche hanno "affari loschi" non è il caso di indagare sugli affari loschi anzichè chiedere rimborsi di signoraggio come fa Giacinto Auriti?

R) Non vedi che casino è venuto fuori con l'inchiesta di De Magistris solo perchè si parlava di rubare dei fondi della comunità Europea dove erano implicate banche di San Marino?

D) Come si fa a risolvere un qualcunque problema della società ragionando in questi termini

R) Questo non è "un qualunque problema" questa è una grossa realtà. Sinceramente per il momento non so come affrontare il problema, ma non è un buon motivo per negare che esista.

D) Come fa una persona a citare questi siti come fonte di informazione quando non come sito di riferimento nei propri articoli?

R) C'è stato un ragazzo di nome Mantarro che ho sentito parlare a Milano che ha fatto una tesi all'università citando Icke, Antonella Randazzo, Pamio, Pascucci eccetera. Anche Elio Lannutti quello dell'Adusbef nel suo ultimo libro "la repubblica delle banche" lo ha fatto.
Se critichi l'ambiente accademico e la cultura attuale, sei libero di citare chi vuoi, e gli altri sono liberi di crederti o meno.
A rigor di logica io non citerei Icke perchè afferma cose senza portare uno straccio di prova, Antonella Randazzo solitamente cita la bibliografia e mi pare che il suo pensiero sia ABBASTANZA lineare. Pamio ha fatto un sito dove si trova qualsiasi cosa, lui partirà dall'assunto che una cosa è vera fintanto che non si può dimostrare il suo contrario, nemmeno a ma piace molto mettere tutto in un calderone, ma devo ammettere che alcune cose che scrive sono interessanti e vere.
Pascucci, non sa trattare le persone, dentro al suo sito ci sono cose interessanti. Nel suo forum ci sono alcune cose interessanti mischiate a cose troppo campate in aria ed a volte esagerate. Ci ho litigato e non ci vado più anche per questo.

Cervo ha detto...

"D) Cerca di essere più preciso: "4 o 6 %" di cosa? In realtà è il 6-10% di qualcosa. Ma che cosa? E quanto è grande quel qualcosa?

R) di utile della Banca d'Italia che si determina con la chiusura del bilancio annnuale. "

Sbagliato: la risposta esatta è dal 6 al 10% del CAPITALE SOCIALE della Banca d'Italia. Ti invito a ricontrollare lo statuto per esserne certo. Sempre nello statuto puoi verificare a quanto ammonta il capitale e calcolarne il 10%.

Vedi come basta poco per far cambiare il senso di una faccenda? "Utili" e "Capitale": una svista, uno scambio di parole e non si sa più di cosa si sta parlando. A questo serve il rigore.

Una volta che hai chiarito questo possiamo discutere anche del resto.

"D) Come si fa a risolvere un qualcunque problema della società ragionando in questi termini

R) Questo non è "un qualunque problema" questa è una grossa realtà."

Credo che abbia frainteso la mia domanda, retorica.
Mettendo assieme castronerie varie non si può affrontare NESSUN problema, nemmeno un QUALUNQUE PICCOLO problema. Tanto meno uno che si suppone sia GRANDE. Più le cose sono grandi e importanti più è necessario usare rigore.


"Sinceramente per il momento non so come affrontare il problema"

Prima di affrontare il problema è necessario indivuduarlo e questo non si può farlo se non eliminando le fesserie che ci stanno attorno.

" ma non è un buon motivo per negare che esista."

Una cosa credo sarà sicura dopo che hai riletto lo statuto e fatto i conti: il problema delle banche private che si spartiscono il signoraggio in virtu della loro partecipazione al capitale di Banca d'Italia, come viene descritto in quella pagina e nel sito di Pascucci, NON ESISTE.
Non sono io dover dimostrare qualcosa ma è Pascucci e chi lo cita a dover dimostrare che esiste. Le argomentazioni che sono presenti nelle loro pagine sono FALSE.
Ce ne sono altre? Sentiamole! Ma basta con quelle fesserie.

Uno come Pascucci che scrive simili castronerie è una persona che mi fa perdere tempo, non "uno che lotta contro il sistema" o uno che fa "informazione alternativa".

"Se critichi l'ambiente accademico e la cultura attuale, sei libero di citare chi vuoi, e gli altri sono liberi di crederti o meno."

:) Questo mi fa sorridere. Forse c'è un certo tipo di ambiente che pensa che basta citare qualcuno che ha detto qualcosa per dare valore ad una tesi o ad una campagna. Non so se tu ritieni di voler far parte di quell'ambiente.

Per quanto mi riguarda io vado a leggere quello che scrivono quelle persone e se valuto che sono sciocchezze penso che sia sciocco chi le ha scritte e ancora più sciocco (se non peggio, nel caso abbia una certa cultura e svariati titoli di studio) chi le ha citate.

La citazione degli scritti di qualcun'altro non serve per accreditare quello che dici. Serve per evitare di riscrivere ogni volta quello che è scritto da un'altra parte. Quando citi qualcuno ti assumi la responsabilita di dire che hai letto quello che qualcuno ha scritto, l'hai capito e sei convinto che sia giusto (ovviamente a meno che non lo stia citando per confutare o emendare quello che ha scritto).

Questo vale sia nel caso tu sia il Papa o un barone universitario o un ministro della Repubblica, sia che tu sia Icke o il più acceso dei contestatori del sistema.

"lui partirà dall'assunto che una cosa è vera fintanto che non si può dimostrare il suo contrario"

Credo che se qualcuno andasse in giro nel tuo posto di lavoro o tra il tuo giro di amicizie a dire delle cose parecchio brutte su di te, ti dispiacerebbe che la gente pensasse che sono vere fino a quando non si è dimostrato il contrario. In genere quelle cose si chiamano pettegolezzi.

Se a te va bene impiegare il tuo tempo in quella maniera, sei libero di farlo.

"D) Se le banche hanno "affari loschi" non è il caso di indagare sugli affari loschi anzichè chiedere rimborsi di signoraggio come fa Giacinto Auriti?

R) Non vedi che casino è venuto fuori con l'inchiesta di De Magistris solo perchè si parlava di rubare dei fondi della comunità Europea dove erano implicate banche di San Marino?"

Ecco magari quello è un problema più fondato. Ma non c'entra molto il signoraggio.

Adesso faccio un gioco demenziale: perchè la Randazzo non parla di De Magistris e di quell'inchiesta? E' forse una gatekeeper anche lei?
Cosa ci sta nascondendo? Forse la Randazzo lavora per le banche di San Marino? Su un sito ho letto che pare che uno zio della Randazzo sia residente a San Marino. Questa cosa non ti dice nulla?

Questo gioco è demenziale sia quando lo faccio io, qui, per scherzare, sia quando lo fanno gli altri. Se lo fanno parlando sul serio è peggio.

"D) E cosa hanno a che che fare gli affari loschi con il signoraggio e con la partecipazione di banche private al capitali di Banca d'Italia?

R) I soldi poco puliti vengono fatti tutti passare"...

Quali soldi poco puliti? Quelli del signoraggio? Ancora quelli del signoraggio? (Spero che prima di arrivare qui abbia risolto il problema di determinare veramente quanto guadagnano le banche dal signoraggio) Oppure quelli che hanno rubato alla Comunità Europea?

"Inoltre ti consiglio un libro dell'ex Europarlamentare Pino Arlacchi, la mafia imprenditrice, specialmente la seconda parte per capire cosa intendo quando dico che le banche si affidano ai circuiti off-shore per ripulire soldi sporchi e che hanno giri loschi. Credi che ai giorni nostri le grandi associazioni mafiose, o i grandi dittatori non abbiano una banca che li affianchi e li aiuti a ripulire o a far viaggiare il denaro?"

E' una cosa gravissima ma che non ha nulla a che fare con la storiella sul signoraggio che si racconta in quei siti. Qualunque sia l'ammontare degli utili di signoraggio (e di utili in genere) della Banca d'Italia, la quantità di dividendi ricevuta dagli azionisti è quella che si determina dallo statuto.

Ancora una volta: c'è qualche altro problema? Se ne discuta! Ma continuare a gingillarsi con la lista "segreta" delle banche private che detengono il capitale di Banca d'Italia è una perdita di tempo.

Arthur ha detto...

torno adesso da fuori, son mezzo ubriaco e mi ritrovo il tuo commento.

Io ero come te sei o sette mesi fa, stavo a guardare anche il pelo nell'uovo ligio ai conti, poi mi sono reso conto di alcune contraddizioni enormi e mi sono rotto.
Si, quando si chiude il bilancio di esercizio, una volta calcolato l'utile si toglie dall'utile il 6% sul capitale e non il 6% dell'utile, non ci ho nemmeno riguardato, sarà stata una imprecisione, ma mi sono limitato a dirti che i conti ufficiali tornavano tutti perchè non avevo voglia di andarci a guardare e perchè tanto l'utile definitivo è di 50-100 milioni e non di centinaia di miliardi dei quali si parlava.
Ma ti ripeto, che per me il bilancio era regolare, l'avevo già controllato, ed a parte il fatto di mettere le banconote al passivo (criterio contabile discutibile), andava tutto bene.

Nei miei post non ho mai scritto che le banche si prendono centinaia di miliardi come dice Miclavez, attraverso il signoraggio, perchè di certo non lo so. Grillo dice è tutto vero, io però non lo so e non posso verificarlo.
Pascucci quando glielo hanno chiesto disse che la dimostrazione con prove a questo fatto, non c'e l'aveva, ma che essendo le banconote al passivo e l'utile così basso, quella differenza da qualche parte doveva finire.

Ma nemmeno questo è il punto della questione.

Quello che io chiamo signoraggio è il privilegio di emettere moneta.
Che ce l'abbia una banca privata, che dovrebbe controllare le stesse banche che la compongono è UN PROBLEMA.
Se hai preso per buono che una banca può moltiplicare moneta fintanto che gliene chiedono in prestito, con il meccanismo della riserva frazionaria, ed agire in sincronia con l'organismo che emette la moneta, come fai a non capire che tutti gli stati e di conseguenza i cittadini servono le banche e non lo stato?
Se sai, che le banche possono occultare i propri fondi e renderli invisibili mediante meccanismi che si appoggiano ai paradisi fiscali, così come fanno le multinazionali, come puoi essere sicuro di quello che dici?? Come puoi pensare ai bilanci come qualcosa di sacrosanto??? Capisci la contraddizione???Quando lo stesso Stato Italiano aveva investito in un Edge Fund alle Cayman per un centinaio di milioni di Euro!
E' come giocare a Briscola con uno che ti prende le carte senza fare vedere quale carta ha giocato.
Capisci il paradosso?
Tu dici che il signoraggio non è importante ma ti dico che è fondamentale. Se tu pensi che chi stampava moneta ha il potere di fare il bello e cattivo tempo capirai il resto.
Fandonie? Lo diceva il premio Nobel dell'economia.
« Non è tollerabile che una banca centrale, isolata, che non ha nessuna responsabilità né l'obbligo di spiegare quello che fa, possa continuare a creare disoccupazione mentre i governi stanno zitti. »
(su Il Tempo del 22/10/2000)
Modigliani diceva che la grande depressione fu colpa delle grandi banche e delle relative banche d'affari. Perchè con i derivati si possono gonfiare le azioni in maniera incredibile come accadde prima del 1929 con i margin? Ti sembra normale che il FMI internazionale abbia di recente subito adeguamenti strutturali per un trilione di Euro? (non gli tornavano i conti!)
Se la FED ha in pratica deciso la politica monetaria mondiale per decenni (poichè tutte le banconote erano agganciate al dollaro) e la FED è privata di banchieri come i Rothschild, ti sembra davvero stupido parlare del signoraggio?
Insomma fai i tuoi conti e vedi te.
Buona notte.

Arthur ha detto...

Buondì Cervo.

Mi pare che tu ti sbatta, mi sono alzato da neanche mezz'ora e mi è venuto in mente di rileggere quello che ho scritto ieri sera.

Non considerare quel trilione di Euro, ho fatto confusione vista l'ora. Sono 150 milliardi di Euro.http://www.imf.org/external/pubs/ft/bop/2007/ar/bopcom07.pdf
Anche lì purtroppo andavo a memoria e mi sono confuso con un altro dato.

Comunque il punto l'hai capito.

Ti consiglio davvero il libro di Arlacchi.

Comunque avrai capito il punto della questione:
Sovranità monetaria delle banche: ti affidi a quello che dicono i grandi banchieri internazionali, che purtroppo in passato si arricchivano finanziando parti contrapposte nelle guerre quando non erano anche parte fondamentale nella causa di esse.

Sovranità monetaria statale: C'è rischio di guerre.

Sovranità monetaria popolare di Auriti: sarebbe l'unico modo per parlare di democrazia vera, sempre che tu creda nella democrazia e che ti interessi. Non è un caso se un professore della Bocconi diceva che il denaro sarebbe sparito per fare spazio al prestigio sociale, anche io inizialmente pensavo fosse matto.

La questione del signoraggio è fondamentale ripeto, anche se per come vanno le cose adesso nell'economia globale, c'è da stare seri ugualmente.

Cervo ha detto...

L'unica certezza che ho è che ti accontenti di una conoscenza superficiale degli argomenti di cui ti interessi, basata su suggestioni più che su approfondimenti tecnici e mischi argomenti diversi accomunati solo da accuse generiche a questo o quello (in questo caso: le banche).

A causa di questo, non ha senso nemmeno rispondere alle tue "conclusioni" (tipo "Sovranità monetaria statale: C'è rischio di guerre.").

Se questo è il tipo di "cultura" antitetico alla "cultura di massa" che propone la Randazzo, se questo il modo di "lavorare su se stessi" che ha in mente, se questo è il tipo di pubblico che cerca (tieni presente che alcuni miei messaggi che parlavano di queste cose sono stati censurati sul suo blog e che i video che propone assumono proprio questi standard di pensiero), se questo è il modo di interessarsi alla vita pubblica, allora penso che il mondo in cui viviamo è esattamente quello che ci meritiamo e non abbiamo proprio di che lamentarci.

Arthur ha detto...

Ciao,
mi dispiace che la pensi così in verità l'ultimo riassunto che ti ho fatto è quanto di meglio potevo fare e sono convinto che con la sovranità monetaria statale c'è stato è c'è forte rischio di guerre, che è quello che il mondo e la chiesa hanno voluto fortemente evitare dalla fine della seconda guerra mondiale. Tutte le semplificazioni che ti ho fatto sono frutto di ragionamenti più complessi ma visto che avevi tanta foga ho cercato di risponderti sintetizzando.

Ti saluto, grazie delle visite.

Cervo ha detto...

"Non è un caso se un professore della Bocconi diceva che il denaro sarebbe sparito per fare spazio al prestigio sociale, anche io inizialmente pensavo fosse matto."

Questa in un certo senso è una verità ma potrebbe non avere molto a che fare con Auriti e nemmeno essere qualcosa che tu desideri. Mi spiego: in un certo senso il denaro è già rimpiazzato dal "prestigio sociale" nel momento in cui se tu vai in banca e chiedi un prestito ti ridono in faccia mentre quando ci va una persona che è nel circolo giusto ottiene il denaro che gli serve.
Tu il denaro in prestito non te lo puoi permettere mentre lui, con il proprio "prestigio sociale", sì.
Come il denaro ha sostituito lo scambio diretto di merci, allora possiamo supporre che in futuro si possa usare direttamente il "prestigio sociale" al posto del denaro per fare e acquistare le cose.
Se è quello che vuoi, allora manca proprio poco a che tu sia accontentato.

"ma visto che avevi tanta foga"

Non c'è molta foga in me. Inoltre, foga o non foga, puoi prenderti tutto il tempo che vuoi per formulare ed esporre i tuoi ragionamenti. Fortutanamente quando si scrive, come si fa su un blog, p.es., o su un libro, c'è tutto il tempo di cui si ha bisogno.

"Tutte le semplificazioni che ti ho fatto sono frutto di ragionamenti più complessi"
Bisogna vedere se quei ragionamenti complessi hanno qualche fondamento, se li hai capiti e se non sono stati distorti da chi te li ha esposti.

Ti faccio un altro esempio: ho appena visto un video di Massimo Teodorani ("La mente di Dio"), l'autore di libri divulgativi su entanglement e altri argomenti "nuovi". A parte il fatto che sono argomenti che rientrano nel curruculum BASE di qualunque studente universitario di quelle materie, non sono argomenti "nuovi" o "nascosti" o "misteriosi", mi stupisce sempre il fatto che se ascolto le sue parole non vi trovo niente di ridicolo o assurdo, a parte forse, ogni tanto, un pochetto di entusiasmo e di voglia di accattivarsi l'attenzione di chi lo ascolta che in genere "rientra" immediatamente, nella frase successiva. A parte quando dice cose che rientrano nelle conoscenze normali di qualunque persona che ha studiato quelle materie, per il resto parla di ipotesi e di esperimenti da fare per verificarle. C'è gente che pensa che ci siano esperimenti più importanti da fare, lui pensa che anche quelli lo siano: gli auguro di trovare i soldi per farli, di condurli come si deve e di riportare i risultati qualunque essi siano. Però parla di ipotesi ed esperimenti ancora da fare che possono portare ad un esito oppure a quello contrario, non di conoscenze acquisite e definitive.

Questo non succede quando parlano o scrivono tutti quelli che (come "What the BLEEP") usano queste cose distorcendole per i propri fini come blog che parlano delle castronerie più varie e che includono riferimenti ai suoi libri per cercare un appoggio e un pò di credito.

Curiosamente c'è una parola che ricorre verso la fine del video di Teodorani: "rigore".

Ti ricorda qualcosa?

Ciao.

Arthur ha detto...

Insomma Cervo io non voglio convincere nessuno, non credi che i miei ragionamenti siano validi? Mi dispiace.
Credi solo a persone come quello scienziato che hai citato tu, che pongono la scienza e la nuova fisica quantistica come nuova religione ?
Buon pro ti faccia.
Mi hai chiesto alcune cose, può darsi inizialmente non sia stato preciso, ma ti ho fatto un quadro della situazione che considero veritiero. Se tu avessi letto i miei precedenti post sul signoraggio e commentato anche là, magari si riusciva ad interagire meglio, anche perchè solo a Settembre dell'anno scorso anche io avevo avuto un forte dubbio sulla veridicità della cosa ed intavolato una discussione simile alla nostra con Dmonax, dove però io facevo la parte che fai tu.
Tu dici che le argomentazioni nel sito di Pascucci sono false, io ti dico di no, che in maggior parte sono vere e che sono cose che a scuola od in giro non mi hanno mai detto perchè non faceva comodo dirle.
Ti hanno mai detto a scuola la storia integrale dei Rothschild? Ti hanno mai detto che Lenin prima della rivoluzione andò a Zurigo e fù finanziato anche da banchieri ebraico-americani?
I rimproveri che si possono fare a Pascucci sono che a volte esagera e che finisce per giungere a conclusioni non supportate da alcuna prova (es: Kennedy e Lincoln sono sicuramente stati uccisi per il motivo della sovranità monetaria, quando non avendo prove sono solo illazioni).
Per il resto mi pare di averti già detto tutto.
Tu mi hai visto sul Blog di Antonella Randazzo: guarda il video "el concursante" che ha linkato da youtube. Mi pare un buon film che deve far riflettere e non una serie di stupidaggini come dici tu.

Cervo ha detto...

"Tu dici che le argomentazioni nel sito di Pascucci sono false, io ti dico di no,"

Tu non dici di no. Tu non hai detto nulla.

Le argomentazioni che dicono che le banche private che partecipano al capitale di Banca d'Italia si spartiscono il signoraggio sono FALSE. Punto.

Rileggi lo statuto. Poi possiamo continuare a parlare del resto.

"Credi solo a persone come quello scienziato che hai citato tu, che pongono la scienza e la nuova fisica quantistica come nuova religione ? Buon pro ti faccia."

Io credo a cosa? Alla nuova religione della fisica quantistica?
Ma dove lo hai letto questo?

Fino a ieri non lo conoscevo nemmeno, questo qui. Sono i siti pieni di castronerie che citano i suoi libri e i suoi film.

Ma ti rendi conto delle cose che scrivi? "Credi solo a persone come quello scienziato"? Distinguo una persona che fa ragionamenti solidi da uno che dice cretinate (inframezzate da qualche banalità) come Pascucci. Io non "credo" a quello scienziato perchè non c'è bisogno di "credere" a uno scienziato. E non c'è nulla di quello che ha detto che ha necessità di essere creduto: prendi in mano i libri che servono, assicurati di averli capiti (ripeto, ASSICURATI di averli capiti) e poi riguardati il film.

Ma guarda un pò...

Leggi tutto contento il blog di una che propone acriticamente i film della scuola di Ramtha e poi vieni a dire a me "credo solo a quegli scienziati che che pongono la scienza e la nuova fisica quantistica come nuova religione"?

La NUOVA FISICA QUANTISTICA? Solo i fessi possono credere che quelle cose siano NUOVE. E' quasi un secolo che sono in giro e le insegnano in qualunque facoltà di Fisica!

"Mi hai chiesto alcune cose, può darsi inizialmente non sia stato preciso, ma ti ho fatto un quadro della situazione che considero veritiero."

No, ti ho chiesto una cosa specifica: di confermare o smentire un dato che è il tormentone dei signoraggisti. Non ti ho chiesto di darmi ragione: ho detto, per cortesia, controlla tu stesso e dimmi se ho ragione o meno.

Il quadro che hai fornito non è né veritiero né mendace: è fumoso.

"Tu dici che le argomentazioni nel sito di Pascucci sono false, io ti dico di no, che in maggior parte sono vere"

Ripeto: ti ho chiesto UNA singola cosa che guarda caso è il cavallo di battaglia anche di Pascucci. Sto ancora aspettando la risposta.

Inoltre non importa se "la maggior parte sono vere" se quelle fondamentali non lo sono.

Terzo, il 90% del sito di Pascucci non sono ARGOMENTAZIONI vere o false: non sono nulla!

Nessuno ti dice tutto, perchè nessuno sa tutto, capisce tutto o può dire tutto. NESSUNO. Almeno evitiamo di dire castronerie, evitiamo quelli che dicono poco altro, oltre alle castronerie, ed evitiamo di ripeterle, le castronerie.
Inizia a togliere le castronerie, dal sito di Pascucci, POI vediamo se rimane qualcosa e parliamo di quello.

"Tu mi hai visto sul Blog di Antonella Randazzo: guarda il video "el concursante" che ha linkato da youtube."

A me il protagonista del film pare un fesso, prototipo delle persone che non sanno rinunciare a nulla e pur di comprare tutto ricorrono al credito anzichè al risparmio. Perchè NESSUNO osserva questo, quando guarda quel film?

Questi elementi del film sono proprio il tipo di cose che sostiene Beppe Grillo, tanto odiato dalla Randazzo. Perchè lo si accusa di non parlare di certe cose?

"Mi pare un buon film che deve far riflettere e non una serie di stupidaggini come dici tu."
Abbiamo mai parlato del film? Come potrei averti detto che sono una serie di stupidaggini?

Sembra che non sappia distinguere tra quel film, il sito di Pascucci, la Randazzo, etc. Per te dicono tutti le stesse cose.

Arthur ha detto...

Allora a questo punto dato che fai finta di niente ti darò ragione così sarai contento.
Io non ho detto nulla.
Le cose che dice il film, le cose che dice Pascucci, le cose che dice la Randazzo sono tutte diverse, non c'entrano assolutamente l'una con l'altra, anzi parlano di cose diametralmente opposte, infatti il problema che chi detiene la sovranità monetaria possa fare il bello ed il cattivo tempo e che i soldi per pagare gli interessi nemmeno esistano,(ergo in questa economia del debito piano piano si sprofonda sempre di più a beneficio di queste banche), non lo dice nessuno, me lo sono inventato io.
Tutto quello che c'è scritto su PAscucci non è nulla, infatti la storia della banca d'Inghilterra, della FED, della fondazione della banca d'ITalia, il fatto che essa sia anticostituzionale, gli accordi di Bretton Woods, il progetto di globalizzazione del quale parlava Tremonti ad opera di illuminati, NON ESISTE.
Non è nulla.

Leggiti il post circa Travaglio e il signoraggio http://quadernodegliappunti.blogspot.com/2008/06/travaglio-parla-di-signoraggio.html
e dai ragione a Travaglio che ha capito tutto, il signoraggio infatti è una entità astratta e non ha alcun senso parlarne. L'unica cosa giusta è fare il proprio dovere di "cittadini" in questo stato etico, democratico e morale, dove tutti noi siamo artefici del nostro destino e decidiamo del nostro futuro, la questione delle banche è solo roba economica e non riguarda lo stato, è solo una specie di gioco, una variabile parziale, non importa nulla.

Cervo ha detto...

Conoscevo già il video come ho già visto altri video che dovrebbero "dimostrare" questo o quello.

A riguardo ti ha già risposto il tuo amico Daniele, non c'è bisogno di dire altro. Prova a rileggerti la sua risposta.

Tutte quelle fonti non parlano di cose diametralmente opposte altrimenti, spero, anche tu noteresti la differenza. Tuttavia si può dire cose diverse senza dire cose diametralmente opposte.

Hai capito che le argomentazioni che dicono che le banche private che partecipano al capitale di Banca d'Italia si spartiscono il signoraggio sono FALSE? Sì o no?

Hai capito dova vanno gli utili di Banca d'Italia, in qualunque modo essa li faccia e qualunque sia la loro entità, anche se Fazio, Ciampi e Draghi fossero, tanto per dire, rettiliani? Dove vanno? L'hai capito sì o no?

L'hai capito che quel signoraggio e la riserva frazionaria sono cose SIMILI ma non sono la stessa cosa? Sì o no?

Riesci a capirlo o no?

Hai presente la distinzione tra le parole "OPPOSTO", "SIMILE" e "UGUALE"?

Riesci a capire che quel film è costruito in modo da poter essere letto in due maniere completamente opposte?

E inoltre il signoraggio è la "perfetta truffa legalizzata" oppure per portarti via i soldi devono usare trucchi finanziari, banche offshore, etc.?
Capisci la differenza tra una cosa e l'altra o no?

Un articolo utile che, tra l'altro conferma l'esattezza di quello che ti ho scritto all'inizio, ma va molto oltre: Signoraggio tra mito e realta.

Per finire, tanto per farti capire la qualità del contenuti del sito di Pascucci, la sua home page attualmente rileva l'inconsistenza della definizione di "ente pubblico non economico" per la Banca d'Italia come se fosse sintomatico di un tentativo di prendere in giro e falsificare il proprio bilancio. In realtà, se si va a leggere la definizione di "ente pubblico economico" (per esempio qui), si vede che

"Gli enti pubblici economici sono una particolare categoria di enti pubblici i quali non agiscono in regime di diritto amministrativo bensì di diritto privato e sono pertanto soggetti alla disciplina propria del diritto privato."

per cui l'unica cosa certa da quel sito è che Pascucci è un minchione.

Quindi la Randazzo, nei propri articoli, usa come massimo riferimento in materie economiche un michione.

E' quello che capita quando non si vuole essere gatekeeper e si pensa che il gatekeeper sia uno che dice "di queste cose non me ne intendo quindi non ne parlo". Puoi parlare di quello che vuoi anche se non ne capisci: basta che ti informi prima, seriamente, cosi capisci e POI ne parli.

Saluti.

Arthur ha detto...

Cervo, farò un ultimo tentavo: smentirò l'articolo che hai linkato dopodichè mi fermo

ERRORE 1- il signoraggio non era per recuperare i costi di coniazione, ma era un privilegio del signore, egli poteva infatti trattenere un parte di oro, che poteva essere anche considerevole, non per coprire i costi di coniazione ma perchè "ci metteva la faccia" come si suol dire: perchè garantiva il corso della moneta e perchè in definitiva era appunto il Signore, il progressivo aumento dell'autorità centrale dello Stato, come sta scritto lì non c'entra niente perchè era così già dagli antichi Romani, che durante la coniazione oltre ad una fetta per il signoraggio, coniavano monete di purezza inferiore, barando.
ERRORE 2 "Il passaggio al corso forzoso della moneta, nel corso del Ventesimo secolo, implica che la carta moneta non rappresenta più una passività redimibile in risorse reali nei confronti dello stato"

Una PASSIVITA' redimibile NEI CONFRONTI dello stato????
Cosa cosa cosa? per LO STATO semmai rappresenta una passività, ma per il cittadino la cartamoneta era un CREDITO nei confronti dello stato.

ERRORE 3
"Ai giorni nostri, un governo che voglia utilizzare il signoraggio per finanziare il proprio deficit non ricorre alla stampa diretta di moneta, ma utilizza un procedimento indiretto. Il Tesoro emette titoli governativi fruttiferi per un importo pari al deficit da finanziare. Ma, anziché essere collocati presso i risparmiatori, tali titoli vengono sottoscritti dalla banca centrale"

Ti pare possibile parlare ancora di signoraggio del governo o dello Stato quando esso deve emettere titoli di Stato (sui quali deve pagare interesse)??
Non aveva senso parlare di Signoraggio solo fino a quando si stampava moneta a valore fiduciario sulla quale non doveva pagare nessun interesse?
Questo può essere signoraggio della banca centrale semmai, che si incassa anche gli interessi e che stampa anche la moneta, non ha senso parlare di signoraggio dello stato in questo caso.

ERRORE 4
L'aumento della base monetaria rappresenta il signoraggio nominale raccolto dal governo,

l'aumento della base monetaria in realtà non lo decide lo stato ,ma la banca Centrale, ti pare di poter ancora parlare di Signoraggio dello
Stato??

ERRORE 5
Chi ritiene che il signoraggio rappresenti una rilevante fonte di risorse per i governi

Per i Governi??? e questo sarebbe il debunker che smentisce le bufale???
Chi mai ha parlato di risorsa rilevante per i governi, qui si parla di risorsa per LE BANCHE!

ERRORE 6
il reddito reale da signoraggio è uguale al tasso di inflazione moltiplicato per l’offerta reale di moneta

"Il reddito reale da signoraggio è il valore reale della moneta appena creata"

Come no, infatti si deve accontentare proprio solo di quel "valore" perchè, con quello non ci può certo pagare i REALI 1620 miliardi di debito pubblico ed i 70 miliardi di Euro da pagare all'anno.

Non ci siamo. Questo può essere contorto, mettere quante Curve di Laffer vuole ed usare tutti i tecnicismi che vuole ma il suo ragionamento non torna guarda dopo il perchè

ERRORE 7

"Ma soprattutto che il signoraggio reale, l’unica grandezza rilevante ai fini dell’acquisizione di merci e servizi da parte del governo, è una grandezza che non può essere accresciuta indefinitamente attraverso l’espansione dell’offerta di moneta."

Questo geniale economista fa tutto un tram tram, per dire che se la Banca centrale espande la moneta in gran quantità, allora il governo non è che poi continui tanto ad arricchirsi in termini reali. Geniale.

Ma tu lo stai anche a sentire?

Allora: l'economia degli Stati si basa sul concetto di valore aggiunto, nel senso che non è tanto importante quanti soldi ha uno stato, ma piuttosto quanto velocemente girano al suo interno ed esterno creando ricchezza REALE come ponti, case, istruzione eccetera..
Per questo motivo, l'economia degli ultimi decenni si è focalizzata sopra un indicatore che si chiamava PIL e che in teoria avrebbe dovuto misurare l'accrescimento e la ricchezza di uno Stato. Perciò se anche l'inflazione cresceva ma il PIL era buono (e su questo PIL ci sarebbe da discutere a parte) si diceva che l'economia dello stato era buona, anche se c'era dell'inflazione.
Ma al di là di questo tu devi capire che questo PIL non è un numero campato in aria, sono SOLDI con valore internazionale.
E chi li stampa i soldi? E chi decide il tasso di interesse dei soldi? Le Banche Centrali.
Devi capire che gli Stati non valgono più economicamente niente in confronto di questi organismi e di chi li compone.
Ragionando come cittaddino dello stato, a me non basta sapere quale sia "la grandezza rilevante all'acquisizione di beni e servizi da parte del governo", quando so, che ogni volta che esso ha bisogno di denaro, dovrà sempre pagarci un interesse che ammonta a 70 miliardi per 1620 miliardi di debito pubblico, ma in realtà tutto questo, come già ti dicevo è stato tollerato per evitare guerre.



Ho controllato una cosa perchè avevo un dubbio forte: se il tasso d'interesse attivo (degli impieghi) medio è del 6%, ed il tasso di interesse passivo (dei depositi) è del 4%, perchè il differenziale ovvero il margine di interesse dovrebbe essere dell' 1,55%? Allora mi sono ricordato che probabilmente margine di interesse è uno di quegli altri termini del cavolo usato dagli economisti che confondono solo le idee.
Infatti in borsa.it trovo che

"Il margine di interesse è la fondamentale componente di reddito di una banca derivante dalla sua tradizionale attività di intermediazione (raccolta prestiti e titoli). Esso comprende i ricavi da raccolta (intesi come mark down x volumi) e i ricavi da impieghi (intesi come mark up x volumi); dove per mark down si intende il differenziale fra il tasso medio sui depositi e il rendimento medio lordo dei Bot in circolazione; per mark up il differenziale fra il tasso medio sugli impieghi e il rendimento medio lordo dei Bot in circolazione. "

Mi piacerebbe capire perchè l'editor di phastidio.net, sicuramnente chiaro come un professore di Oxford, non lo spiega e non ci spiega, in un articolo che dovrebbe essere di "debunking" come ottiene i dati che ottiene.

Errore finale:

"Nel lungo periodo, le banche possono evidentemente crescere solo allo stesso passo dell’economia reale"

Ma quale "economia reale" di quale paese??? frase che è un bijoux, infatti il problema è che da sempre i grandi banchieri internazionali giocavano sfruttando il deprezzamento dell'economia di una paese a favore di una altra eccetera. Se anche l'economia reale di un paese va male, ma una banca gioca al ribasso, da quell'andare male non solo non ci rimette, ma ci guadagna pure. E'questo che ti voglio dire quando dico che bisogna avere un ottica più omnicomprensiva della questione

Le conclusioni te le do io:

Gli stati che fanno le leggi e ci governano non valgono economicamente niente, le banche e le multinzionali che hanno sedi in paradisi fiscali, hanno tutto il potere contrattuale, alle riunioni dei grandi del mondo (e non parlo del g8) non si mettono a dormire sulle sedie, a scaccolarsi ed a parlare dei Dico e di Anna Maria Franzoni, ma si mettono a parlare del destino del mondo, di come si muoverà l'economia, il petrolio, di quale paese emergente può andare bene e quale no, magari senza che tu ne sappia niente e di certo senza fare un referendum.

Buona notte.