venerdì 14 settembre 2007

Danny Elfman e le colonne sonore

Il significato letterale di colonna sonora è un immagine potentissima: una colonna di musica che regge in piedi un intero film od uno spettacolo.
In effetti una colonna sonora può cambiare un film mediocre e renderlo piacevole o viceversa, non a caso i film con qualche pretesa venivano affidati nelle mani di veri e propri compositori e non a caso ho inserito sulla destra tre link alle colonne sonore di "Per un pugno di dollari", "per qualche dollaro in più" e "il buono il brutto ed il cattivo", tutte e tre di Morricone (le prime due sono per altro quasi uguali), che ha curato altri capolavori eccezionali come i primi film di Verdone o quelli di Brian De Palma.
Morricone sapevo già essere un grande talento, oggi però ho scoperto un fatto al quale non avevo mai fatto caso: le colonne sonore dei più conosciuti film americani degli ultimi venti anni sono tutte curate da un tal Danny Elfman che sembra aver trovato la fortuna ai tempi degli esordi di Tim Burton.
Ecco alcuni dei film ai quali ha collaborato:
Beetlejuice (con la scelta tra le altre delle fantastiche canzoni di Harry Belafonte)
Batman e Batman il ritorno
Dick Tracy
Darkman
L'armata delle tenebre (LA CASA 3)
Edward mani di forbice
Mission: impossible
Will hunting
Men in Black 1 e 2
Il mistero di Sleepy Hollow
The gift
Il pianeta delle scimmie (l'ultimo rifacimento)
Spider man 1 e 2
Hulk
La fabbrica di cioccolato (con Johnny Depp)
per non citarne troppi finisco qua con i Simpson e Futurama.
Ora io non so se abbia realmente curato un così alto numero di serie televisive e film senza l'aiuto di collaboratori, so però una cosa: il suo nome è una garanzia.

2 commenti:

fax ha detto...

Ciao Arthur, ti invito nel mio nuovo blog ancora in fase di costruzione. E' un'idea, mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi.
A presto!

fax ha detto...

Mi sono dimenticato l'indirizzo!!!!
venialit-fax.blogspot.com
ciao!