venerdì 21 settembre 2007

Torture animali

Ieri sera passa un amico per casa e mi trova davanti al computer come spesso mi succede negli ultimi tempi (colpa anche del blog). Così ci mettiamo a guardare un paio di video su youtube.
Visto che è passato con il suo cane mi è venuto in mente un video che avevo visto un paio di giorni fa sulla vita di cani e gatti in Cina http://it.youtube.com/watch?v=ZfstZOMUG6E oppure http://it.youtube.com/watch?v=tnYF2mGAQ_g .
Video che sconsiglio vivamente a chi è facilmente impressionabile.
Una premessa però mi pare doverosa: La Cina è un paese di un miliardo e duecentomila persone,uscito da un regime che ha distrutto la sua cultura ed i legami col passato, dove le persone faticano a trovare il pane ( o meglio riso) quotidiano. Mangiare un cane, per un cinese, non è molto diverso dal mangiarsi una porchetta, e mangiarsi un gatto è simile a mangiarsi un coniglio.
Io non mi sento di criticare tanto il loro atteggiamento che ovviamente non condivido, l'unica cosa intelligente che posso dire è che si potrebbe uccidere l'animale facendolo soffrire il meno possibile. I musulmani ad esempio hanno un metodo di macellazione più umano perché tagliando la trachea e l'esofago, l'animale si spegne dolcemente ed il sangue non arriva più al cervello. In Italia, leggo ora in wikipedia, prima si stordisce l'animale in uno di questi modi: uso di pistola a proiettile captivo, commozione cerebrale; elettronarcosi; esposizione al biossido di carbonio. Poi si appende la carcassa ed ugualmente la si dissangua.
Non siate troppo fieri di essere occidentali perché anche nel nostro mondo industriale gli animali vengono spesso trattati ugualmente male, guardate ad esempio questo video riguardante un allevamento di polli americani.
http://it.youtube.com/watch?v=HRq1aAYgsjo .

9 commenti:

Elisa ha detto...

Good Morning Arthur.
Non c'è un modo dolce di uccidere, per definizione. Ma fa orrore la serialità implicita nella macellazione occidentale attuata a fini puramente consumistici e quindi superflui. Sarei molto curiosa di vedere cosa succederebbe se ognuno di noi dovesse procurarsi uccidendo, la carne da mangiare.
Buona Giornata

Arthur ha detto...

Avrei molto da ridire sul morire in modo dolce o meno. Se ti attaccano elettrodi ai testicoli come facevano a sentir dire i viet-cong e poi ti torturano ad oltranza per farti parlare e poi morire mi sembra una morte molto poco appettibile. La ghigliottina in questo senso fù una trovata umanamente geniale.
Tagliare le vene è una cosa molto più soft, pensa al suicidio di Seneca.

fax ha detto...

ciao Arthur, ho dei problemi con l'url del mio blog, cioè il mio indirizzo dà pagina non trovata su BLOGGER. non capisco il pifferaio funzionava. Per me l'accessibilità è vita, credo che cambio hosting o metto su un sito. Ritornando al discorso di ieri, gli inizi sono irrisori, è la costanza e un allargamento del tutto, che porta poi a delle buone conclusioni, sarebbe già un bel risultato pagarsi l'adsl, non credi?

fax ha detto...

mi hai ispirato, non lo sai ma mi hai ispirato.....

fax ha detto...

Per favore Arthur, mi puoi dire come fai ad andare sul mio sito? Mi hanno detto che non funziona l'URL e in effetti il mio link non funziona. Grazie ciao, fax

remyna ha detto...

ho visto tempo fa video di cinesi e di come ammazzano i cani, alle prime righe del tuo post ho subito capito... non riesco a rivedere i video. proprio non riesco. mi viene voglia di diventare vegetariana al pensiero. non ci posso pensare... scusa questo debole commento. ma è così. senza carne sto male e questo post mi tira fuori un mondo di contraddizioni...:(

Arthur ha detto...

Fax, per accedere al tuo blog ho aperto il link sul tuo nome in uno dei tui collegamenti poi ho usato il link del blog. Comunque digitando http://vanialit-fax.blogspot.com/ nella barra degli indirizzi non ho trovato nessun problema. Ad ogni modo più che con chi ti fornisce l'Adsl dovresti fartela con quelli di blogger e di GOOGLE: per il blog non offrono molta assistenza, pur offrendo un grande servizio.
Il tuo sta diventando più che un blog una specie di sfida personale, vuoi vedere quanto sei in grado di guadagnare con gli annunci e siti analoghi e se davvero la cosa funziona, è un idea non c'è che dire.

fax ha detto...

ciao, si infatti io ce l'ho con loro che si cuccano un pezzo del mio abbonamento adsl come di tutti, non vivono solo di pubblicità.L'adsl c'è perchè c'è internet e internet l'hanno fatta loro, diciamo che hanno le mani in pasta al 90 per cento, insieme a tutti gli altri pesci grossi del web. L'indirizzo del blog di prima funzionava bene, ma questo no, però se mi dici che a te funziona, farò delle prove, grazie comunque Arthur, a presto

fax ha detto...

però sei acuto, una sfida con me stesso....è vero sono sempre in cerca di sfide con me stesso. Mi hai messo in crisi... sto scherzando! :-)