mercoledì 9 aprile 2008

Proverbi in bolognese

Da "il bolognese", ecco alcuni modi di dire o proverbi bolognesi, quasi tutti si dicono anche nel mio dialetto che è quasi uguale. Sfido a trovare un dialetto meno fine di questo.

- Proverbio n. 165
L’usèl an vól pensìr.
Occorre serenità per fare l’amore.
- Proverbio n. 188
Quànd al pàil al fà al stupén, làsa la fìga e tach't al vén.
Quando i capelli incanutiscono, la miglior consolazione è il vino
- Proverbio n. 184
P'r ògne badilàz ai é al só mandgàz.
Per una donna anche brutta c'è sempre l’uomo adatto.
- Proverbio n. 177
Pàn cót e pàn buiié: tra' una vàssa e t'l'è padé.
Alimenti di facilissima digestione.
- Proverbio n. 151
La dóna bravtén-na la fà al lèt a la matén-na; la dóna acsé acsé al le fà al dàppmezdé; la dóna vàca al le fà quànd la s'agiàca.
Tre categorie di donne.
- Proverbio n. 147
Insónni e scuràzz i vànz'n a lèt.
I sogni non si avverano
- Proverbio n. 145
Immardères pr'un baióch.
Rovinarsi la reputazione per nulla.
- Proverbio n. 144
I finénn i marón a Làzer (ch'ai n'avèva 366 panìr).
Tutto finisce, prima o poi.
- Proverbio n. 137
Fèr l'amàur con la surèla d'la màn stànca.
Masturbarsi.
- Proverbio n. 117
Dù qui i stàn sàmp'r a gàla: i strónz e i stupài.
Per chi si vanta di essere un buon nuotatore.
- Proverbio n. 61
Avàir la bàcca lèrga ch’la pèr la fìga d’na sumàra.
Essere un grande chiacchierone.
- Proverbio n. 25
El pugnàtt i én pugnàtt, mó el taiadèl is màgnen.
Le parole sono parole, ma sono i fatti che contano.
- Proverbio n. 20
Al nès di càn, al cùl del dón e i pì di frè i én sàmper z’lè.
Tre cose tradizionalmente fredde
- Proverbio n. 12
A la sìra tótt león e a la matén-na tótt quaión.
Facile restare alzati, meno facile svegliarsi presto.

P.S. Se volete la traduzione letterale di qualcuno scrivetelo nei commenti.

4 commenti:

L ha detto...

137 rulez.

Ciao,
L.

Lieve ha detto...

Per me praticamente è arabo, ma intuisco che la traduzione non sia proprio letterale :P

Denno ha detto...

Mi potresti tradurre in maniera corretta questa frase dall'italiano al dialetto bolognese?
"dove vai con quelle due scarpine rosse"
Lo diceva sempre mio nonno, e voglio farmi un tatuaggio visto che è scomparso di recente..ti ringrazio!

Arthur ha detto...

Denno, per farla breve, se cerchi il Bolognese istituzionalizzato (per quanto lo possa essere) rivolgiti al gestore del blog dal quale ho preso i proverbi. Io ti consiglio comunque di chiedere ad un amico o coetaneo delle tue parti di tuo nonno, e magari chiedere ad un altro per conferma. Io sono di Cento, che ha un dialetto simile al bolognese, il Centese, ma non è uguale. Se uno si guarda il variare di questi dialetti nel tempo e nello spazio ben capisce la correlazione tra autorità ed idiomi.
Ad ogni modo nel mio dialetto sarebbe circa:
In du (dove) oppure
'N du
vet (vai)
con (con)
chél (quelle)
dou (due femminile)
scarpéin (scarpine)
ròsi (rosse)

In du vet con chél dou scarpèin ròsi.

A me pare di ricordare anche
N du et con cle dou scarpennì ròssì
ma non ho trovato conferma nel dizionario, mentre il primo caso l'ho corretto seguendo il dizionario.

Bella idea. Ciao